A proposito di Kimi

Articoli con tag “Futuro

Voci sul futuro di Kimi, commenti dei media italiani–16/11/2011


Da Autosprint n.46 del 15/11/2011:


Da Raisport del 16/11/2011 (http://www.mediafire.com/?kq4c6zhtltacgla):


Trattative in corso…–14/11/2011


I manager di Räikkönen ad Abu Dhabi con la Williams

Kimi Raikkonen ha fatto un altro passo in avanti verso il suo ritorno in F1 con la Williams per il 2012. Alla fine di un intenso weekend di voci sul futuro del campione del mondo 2007, i manager del finlandese sono stati avvistati nel paddock di Abu Dhabi.
La presenza di Steve e David Robertson è stata ancor più evidente dal momento che il loro assistito stava partecipando al rally del Galles. Secondo il giornale Turun Sanomat i due hanno assistito alla gara dal’hospitality della Williams.

La firma di Raikkonen appare quindi ogni giorno più sicura. Sir Frank Williams ha confermato all’emittente MTV3 sabato che il team di Grove “ha un forte interesse” nell’ingaggiare Raikkonen per il prossimo anno.

“Ovviamente, c’è una trattativa in atto, il che è piuttosto normale. Devo scegliere le mie parole con cautela per dire che è possibile che accada” ha aggiunto Williams.

Il co-fondatore del team Patrick Head ha confermato ad Abu Dhabi che l’interesse della Williams per l’ex pilota di McLaren e Ferrari non è nuovo.

“Eravamo interessati a Kimi quando guidava per la Sauber” ha dichiarato l’inglese. “Avevamo proposto al nostro partener BMW di fargli un’offerta ma pensavano si trattasse di un ingaggio troppo alto”.

Da f1grandprix.motorionline.com



Da TS.fi, traduzione Nicole@KRForumUfficiale

Räikkönen’s managers in Williams premises
Kimi Räikkönen’s managers David and Steve Robertson made a quick visit to Yas Marina Grand Prix -paddock on Sunday. What do you know, the Robertsons followed the beginning of the F1-race in Williams premises.
Frank Williams assured on Friday night to MTV3 that he is very interested in getting Räikkönen to his team.
Robertsons were completely silent about the matter.
– The times are completely different from those times for example in 2001 when Kimi started in Sauber, because these days even being a top talent isn’t enough to assure a team seat, Robertson told Turun Sanomat.
Co-founder of Williams-team, Patrick Head, admitted before the race when asked once again, that they have thought about getting Räikkönen earlier too.
– We were interested in Kimi when he drove for Sauber. We proposed to make a deal to our partner at the time, BMW, but they thought it would be too expensive, Head cleared.
So far only Pastor Maldonado’s continuance in Williams next year is sure.


E se domani… speculazioni sul futuro–12/11/2011


Räikkönen still has hunger for rally
How is it Kimi Räikkönen, would it be time for podiums next year if your career would happen to continue in WRC?
- The top of five goes fast but I guess I would develop if I would still drive for one more season. It’s difficult to say what results I would achieve. I guess the level would go up and the speed would go forward, Räikkönen speculated in the service park in Builth Wells.
- We have improved all the time. It’s important. If I would want to drive the same speed as the top, then I would have to test a lot and drive all the time. Yet we haven’t gone into this so that we would be driving with the taste of blood in the mouth, Räikkönen reminds.
- I do everything I can but I have to know myself where we are. It’s not wise to go and do something stupid, Räikkönen describes his rally speed.


No disappointment, own fault

- Muddy braking in downhill, from where the car slided into a soft bank. The driving line was wide and there was too much mud, Räikkönen thinks.
Räikkönen and Kaj Lindström got the car back on the road with the help of spectators, but the journey ended quickly. The power transmission got too severe hits in the off, so it wasn’t possible to continue.
- It doesn’t disappoint me, my own fault, Räikkönen said.

Nothing new from F1

-There are no contracts or plans for next season, Räikkönen says.
Then is it possible that your career continues in rally next season?
-Of course. I have enjoyed myself here.

Da MTV3.fi, traduzione Nicole@KRForumUfficiale



Kimi about future plans: "We are chatting with many places"


- I don’t have any plans. Lets see what happens and what we do, Räikkönen summed up.
According to Räikkönen he doesn’t have any timetable for his future decisions.
Rally is also one of the options.
- I’ve liked it here. I wouldn’t have been here if I didn’t.
Räikkönen admitted earlier this week that he has been in contact with Williams but emphasized that there is nothing concrete.
- We always chat to many places and negotiate, but until there is a contract it’s useless to talk about them.
According to his own words, Kaj Lindström is just as unaware of Räikkönen’s future as everybody else.
- I don’t think anyone knows it. The master hasn’t decided yet. Last year we agreed about this year in December, Lindström reminded.

Da iltalehti.fi, traduzione Nicole@KRForumUfficiale


Nebbia fitta sul pianeta Räikkönen…–18/08/2011


Da TS.fi, traduzione Nicole@KRForum Ufficiale

Free Mr. Räikkönen is open to all offers

Kimi Räikkönen is known for not living in the past – still the 31-year old racer hasn’t yet grabbed his future either.
At the eve of Germany rally Räikkönen managed to walk around every pitfall when interviewed by Turun Sanomat.
Räikkönen says he is satisfied with his development during the second year in WRC. He has five rallies behind him and five positions on WC-points.
– It has been a little more easier than it was before. We have lost a few positions when we had the tyre puncture in Jordan and crashed into a fence in Jyväskylä. The best is that we have progressed in time from last year, Räikkönen estimates.
How will the development proceed if Räikkönen drives WRC-rallies for the third season?
– Time will tell, he says.
Then how open is Räikkönen’s next year?
– There are no plans.
Then is there something that you at least have ruled out of your options?
– Useless to ask, Räikkönen grins.
You aren’t planning on stopping your driving career, are you?
– I don’t know. It’s useless for you to ask. Even though you would ask me in a hundred different ways, the reply won’t change. When you don’t know it yourself, then there aren’t many others who know either, Räikkönen insists.
Then what would you still want to do – Le Mans 24 hours or perhaps the Dakar-rally?
– It could be really cool to drive Le Mans. But if you are going to drive it, then you also have to drive a few races as a test and the schedules can become tricky. If I would go for example with Peugeot to Le Mans, then I would have to drive at least three test races.
– I haven’t even thought of something like Dakar. It could also be a cool experience but I don’t have any urge to go there. I’m sure it would be very different, although I don’t know since I haven’t been there.

Bonus points an offer in Germany
Lets go back to rally.
A year ago in Germany Räikkönen achieved his first rally merit when being the fastest on the last SS. This year that same 4,37 kilometer long Trier’s Circus Maximus SS will give power stage points to the three fastest.
Räikkönen has been driving with his own Citroen DN3 WRC -car only a day on tarmac when testing. He doesn’t start specifying his expectations.
– There could have been a little more testing. Now we more or less try out things here. We’ll see soon how the rally takes off. There is a small bit of real tarmac too, although the surfaces are mostly somekind of beton.
A track driver’s experience doesn’t help in tarmac rallies.
– There is nothing similar in them. The normal roads are never like a real track, the car is jumping and flying here and there.

An offer from F1 would interest Kimi
It’s easy to determine that Räikkönen would take a F1-challenge if he would be given the right offer.
How much do you follow F1-races?
– Everytime when I’m at home.
What do you think about the multiplied overtakings in GP-races?
– Apparently it’s easier in some races than in others. It depends upon how they decide about where the back wing can be opened. But it has nothing to do with the actual overtakings anymore. All you have to do is move beside and press a button and the one in front of you can’t do a thing.
– I guess they have been trying to take it into the right direction. Maybe it looks more cooler in television but it’s not any real racing.
– The tyre department again is a completely different thing. Those races where the tyre consumption have been decisive, they have been the best competitions, Räikkönen thinks.
Doesn’t it tingle at all to get there and start overtaking?
– It doesn’t change my attitude at all if they overtake there or not. It is always cool when you get to race. That’s all it takes.
Räikkönen is not surprised that Sebastian Vettel’s superiority has evened out a bit during the season.
– Often the situation always evens out every year if someone has been clearly leading in the beginning. And Vettel probably doesn’t even have to win races in order to stay in the lead up until the end.

Race driving still fascinates
– That was the best in those Nascar-races. To just drive alone in a circle was boring but especially in the truck-race the feeling was great. It’s great to race when you have cars all around you. It’s racing all the time. The Nationwide-car didn’t turn anywhere. That’s why it wasn’t as cool as the truck-race was.
Are we going to see Räikkönen in Nascar-races in the future?
– I don’t know. Let’s see. I could go there if I wanted to but like I said I haven’t thought about next year at all.

No Watkins Glen
Räikkönen was expected to go to the States again last weekend for the Watkins Glen’s Nascar-race. Actually they tried to lure the him there very much after one Sprint Cup -driver was injured and his car was offered to Räikkönen.
– I just didn’t want to go there. Besides the race was postponed by a day and I wouldn’t have got here in Germany for recce then, Räikkönen said.

Turun Sanomat, Trier
HEIKKI KULTA


Räikkönen non ha dubbi su Vettel campione del mondo per la seconda volta

Kimi Raikkonen non ha dubbi circa chi vincerà il Mondiale 2011. Secondo il finlandese, Sebastian Vettel diventerà facilmente campione del mondo per la seconda volta di fila.
Il giovane pilota tedesco è in testa con 85 punti di distacco dal secondo in classifica e rimangono solo otto gare.

“Molto spesso la situazione è bilanciata alla fine della stagione se qualcuno ha dato moltissimo all’inizio della stagione. Vettel probabilmente non avrà nemmeno bisogno di vincere altre gare per stare davanti fino alla fine”.

Raikkonen compirà 32 anni ad Ottobre, ma non ha piani per il 2012 e non sembra voler tornare in Formula Uno.

“Non lo so” ha risposto dopo una serie di domande.

“Anche se lo chiedi in un centinaio di modi diversi, la risposta è quella. Non lo so e se non lo so io, gli altri neppure”.

Come Jacques Villeneuve, Raikkonen ha ammesso di non amare troppo questa F1 nel 2011, con il DRS.

“Non ha niente a che vedere con i sorpassi veri. Tutto quello che puoi fare è avvicinarti e premere un pulsanti ed il pilota davanti non è che possa fare molto”.

“Magari questo sistema va bene per la TV, ma per i piloti non è molto buono”.

Alessandra Leoni

Da f1grandprix.motorionline.com


Un futuro ancora da scrivere–01/08/2011


Un riassunto della situazione contrattuale di Kimi in chiave 2012 e non solo.

Kimi Räikkönen won’t commit to WRC or NASCAR for 2012

By ANTHONY PEACOCK on 7/31/2011

Ex-Formula One world champion Kimi Raikkonen might walk away from the World Rally Championship at the end of this season.

The Finn, who turns 32 in October, is competing in the WRC this year with a privately backed team, with nothing like the funding he enjoyed from Red Bull last season. Asked this weekend about his future in motorsports, Raikkonen said he has no firm plans for 2012 in either the WRC or in NASCAR, where he has competed recently.

“We haven’t really given a thought to what’s going to happen next year,” said Raikkonen. “[Or] if we’re going to do anything at all.”

Following his troubled rookie season in the WRC last year, Raikkonen’s pace and consistency have improved considerably in 2011.

Asked about his chances of developing as a rally driver in years to come, Raikkonen said, “There’s never any guarantee about the speed, but obviously experience will help, little by little, depending on the event, to get closer to the leaders. But I can’t say anything really, let’s wait and see what we’re doing next year.”

Raikkonen on July 30 finished ninth on the Rally Finland, maintaining his record of scoring points in all five of the rallies that he has contested so far this year.

Da autoweek.com


Da TS.fi traduzione Nicole@KRForum Ufficiale

Kimi is offered both Nascar-races and cars

Todd Hirschfeld, who takes care of Kimi Räikkönen’s matters in Nascar-circles was for the first time in a rally.
Several Sprint Cup -cars and budget for Räikkönen in Nascar races could be arranged, for example to Watkins Glen’s race in the middle of August. Kimi alone decides what he will do.
Next week Räikkönen will test his Citroen for two days before the next WRC-rally in Germany. It looks like he wouldn’t have Nascar-races planned in the near future.
– I don’t know, let’s see, Räikkönen replied to questions about Nascar-races.


Bilancio della prima stagione da rallysta – 20/11/2010


Kimi’s end of year report

At the end of his first season of World Championship rallying with Red Bull, we caught up with Kimi Räikkönen to find out his best memories. There are lots of things that will stick in his mind forever from this year – including sand, public transport, shopping centres and the Pope. Eclectic enough for you? Then read on…


Kimi, how has this year been for you?
On balance, it’s been pretty much as I expected. There have been good bits and bad bits, and on the whole it’s been really tough with a lot of learning. In some ways it reminds me of the very first years when I was starting out in racing: it was a little bit the same feeling.

What was your favourite rally of the year?
That’s a tough one, a really tough one as all the rallies were so different. But actually I liked Bulgaria as straight away we were in the top four there and it was nice to fight closer to the front, which is not something that we were really expecting to do. Britain was a good rally too: not so much for the result but for the stages.

Was the Rally of Spain, where you crashed in the shakedown, the biggest disappointment of the year?
Yes I suppose so, but actually it’s not something that I’ve really thought about much since it happened because there’s no point. It’s over, it’s history and there’s no point in imagining what might have been. That’s how I’ve always dealt with things and I’m not going to change now.

Did you ever think about going back to Formula One next year?
Of course I thought about it, because you think about everything. But I never really thought seriously about it, because actually I didn’t miss Formula One at all this season. Before the start of this year I thought it would be interesting to see if I missed it at all and in fact I didn’t.

So does that mean that you are staying in rallying next year?
It means that I’d like to. But for the moment we haven’t got a deal sorted.

What are the moments you are going to remember most, apart from just driving the car?
There were lots of things that happened that I think everyone in our team will remember. In Jordan we scored our first points and ended up covered in sand. In Turkey, there was the problem with the ash cloud and all our team had to go home to France by coach for three days. We drove a go-kart in a shopping mall in Japan; then in Portugal we did this road show in Faro, where we had almost the same number of people that had come to see the Pope the week before. So there are lots of funny memories.

Have you improved as a driver this year?
For sure. Rallying is a lot harder than F1: certainly for me. If you can drive on some of the roads we did this year, you can drive anywhere…

Da RedBull.com


Futuro di Kimi, il cerchio si stringe.


Da MTV3.fi

Traduzione:

Steve Robertson ha confermato a MTV3 di essere in trattativa per il suo protetto per un contratto nei rally anche per la prossima stagione. Il ritorno in F1 è un’opzione chiusa, almeno per quanto riguarda il 2011.

- “Non stiamo più cercando posti in F1. Kimi sembra essere più concentrato nei rally in questo momento”, ha detto Robertson.

Dunque Kimi ha chiuso con la F1?

- “Mai dire mai, ma al momento lo sguardo non è rivolto alla F1”, ha dichiarato Robertson.

- “Nulla è stato ancora deciso. Ve lo diremo quando avremo qualcosa da annunciare. Al momento nulla è stato firmato. Stiamo negoziando con diversi team ma non posso entrare più nel dettaglio”, ha concluso Robertson.


Raikkonen rules out F1 return in 2011

Kimi Raikkonen’s management team has confirmed that the Finn is no longer looking at Formula 1 race options for next season, as the World Rally Championship is where he wants to stay in 2011.

Speaking to Finnish television station MTV3, Steve Roberston admitted Raikkonen wants to remain where he is.

"We’re no longer looking at opportunities in F1. Kimi seems to be focused on rallying at the moment," said Robertson.

He refused to rule out a longer-term return to Formula 1 or racing for the 30-year old, adding: "Never say never, but right now our eye is not on F1.

"Nothing’s been decided yet [for the WRC]. We’ll let you know when there is something to say. At the moment nothing has been signed. We’re talking to several teams."

In recent days, there has been increased speculation that Citroen will find a solution to keep Raikkonen in its Junior team with the 2007 F1 world champion taking money from a personal sponsorship deal from Red Bull, which is expected to be considerably lower than the £5m he is rumoured to have been paid by the Austrian firm this season.

Beyond Citroen, Mini remains an option for Raikkonen, but the limited programme of 2011 events and the high level of car development would not suit his experience or desire to be driving all the time at the moment.

A seat alongside Ken Block at the Monster Ford World Rally Team is another option, but there are funding issues for the American-based outfit.

Block admitted running with Raikkonen would offer great potential exposure for both Monster and DC Shoes, but he added a decision on a potential second driver may not be taken until early next year.

The final option for Raikkonen is a season away from rallying, with a possible return when there is likely to be more manufacturer interest in 2012.

Da Autosport.com


Che fa, resta? – 02/08/2010


Tommi Mäkinen a proposito del futuro di Kimi:

Mäkinen expects Räikkönen to stay in rallying

Tommi Makinen believes Kimi Raikkonen won’t turn his back on the World Rally Championship until he has emulated some of the success he achieved in Formula One.

Raikkonen has yet to confirm his plans for 2011 with a return to Grand Prix racing still a possibility for the Finn.

Makinen, who advised Raikkonen during the 2007 F1 champion’s transition to rallying, said: “Kimi is the kind of guy who wants to make success and find the best performance from himself. I’m sure he is the guy who is not giving up. That’s why I’m pretty sure he won’t jump out of rally yet.”

The four-time world rally champion added: “It would be nice to see him of course. I haven’t discussed it with him so I don’t know what he is thinking but he seems to be happy.”

Raikkonen said there was “a good chance” he would still be in F1 next season.

Da MaxRally.com


Kimi tra presente e futuro – 30/07/2010


Ancora incerto il futuro di Räikkönen

Kimi Raikkonen non ha ancora chiarito i suoi piani per la prossima stagione e dalla Finlandia dove sta disputando un’altra prova del mondiale Rally rivela: “Non posso ancora darvi notizie sui miei piani futuri. Abbiamo alcune decisioni da prendere e non ho ancora fatto. Posso onestamente dirvi che ancora non so cosa farò”.
Recentemente la Citroen ha annunciato la riconferma di Sebastien Loeb e Sebastien Ogier ma non ha detto nulla in proposito di Raikkonen.

Sicuramente Kimi disputerà ancora un altro campionato nei rally ma le porte della Formula Uno non sono ancora del tutto chiuse per lui.

Di Raikkonen ha parlato anche il presidente della Fia Jean Todt che era presente in Finlandia: “Ho compreso la sua decisione di passare ai rally. Voleva una nuova sfida ed è stato molto coraggioso a prendere la strada dei rally. La Formula Uno è una pressione costante ed io capisco perché Kimi abbia voluto fare qualcos’altro. Ma vi posso dire che se il campione attuale Jenson Button o il prossimo campione del mondo dovessero scegliere di andare a correre nei rally, sono sicuro che non sarebbero allo stesso livello di Kimi nella loro prima stagione”.

Da F1Grandprix.it


Il futuro di Kimi, probabilmente. – 15/07/2010


Räikkönen è vicino alla conferma in Citroën

Anche per il 2011 pare che in Formula 1 non ci sia posto per Kimi Raikkonen, per questo pare abbastanza scontato che l’ex campione del mondo proseguirà la sua avventura nel Mondiale Rally anche nella prossima stagione.
Il finlandese era stato prima dato vicino alla Red Bull, dove sarebbe potuto subentrare a Mark Webber, che però poi ha posto la firma sul rinnovo con la squadra di Milton Keynes. Poi alla Renault, dove era stato designato come sostituto di Robert Kubica, qualora il polacco fosse emigrato alla Mercedes per prendere il posto di Michael Schumacher. Anche in questo caso niente di fatto però.
Lo spiraglio per la Formula 1 però rimane sempre aperto, visto che ora si vocifera che Kimi potrebbe legarsi a lungo termine con la Red Bull, assicurandosi un anno nei rally e magari un opzione per il 2012 in F.1.
"Non sento la mancanza della Formula 1 e mi piace molto quello che sto facendo ora" ha detto l’ex ferrarista in occasione del Rally di Bulgaria. "Non ho ancora deciso cosa farò l’anno prossimo, ma lo farò presto, probabilmente subito dopo il Rally di Finlandia".
Anche Olivier Quesnel, grande capo di Citroen Sport, è convinto che alla fine Kimi rimarrà nei rally: "Sono sicuro che andrà avanti. Penso che sia molto coinvolto nei rally e che voglia provare ad avere successo. Sarei felice se decidesse di rimanere. Ha corso solo un anno, ha bisogno di almeno un’altra stagione per mostrare il suo potenziale".
Inoltre Autosport riporta il commento di una fonte interna alla Red Bull, rimasta comunque anonima, che da quasi per certo il rinnovo: "Siamo felici di quello che Kimi è riuscito a fare quest’anno. E’ un personaggio che fa bene al marchio Red Bull e stiamo cercando di allungare il suo contratto. Penso che questo sia molto probabile".

Da Omnicorse.it


Räikkönen set to stay in rallying

Kimi Raikkonen is set to commit to the World Rally Championship for a second season, reveals this week’s AUTOSPORT.

The 2007 Formula 1 world champion had been linked to a return to grand prix racing with Renault next year, but the Finn intends to stay in rallying for at least one more year.

Raikkonen is believed to be keen for his relationship with Red Bull in the long term, opening the door for a possible F1 return wuth the energy drink firm’s team in 2012.

"I don’t miss Formula 1 and I am enjoying what I am doing now," Raikkonen said at the Bulgarian round of the WRC last weekend.

"I have still not decided what I am doing next year yet. Soon I have to decide, maybe it will be just after Rally Finland."

A Red Bull source confirmed to AUTOSPORT that it is close to a deal with Raikkonen: "We are very happy with what Kimi has done this season. He is very good for the Red Bull brand and we are looking to extend his agreement into next year. I think this is likely."

Citroen Racing director Olivier Quesnel is confident that he will retain Raikkonen in 2011.

"I’m sure this will happen," he said. "For myself, he is really involved in rallying and he wants to succeed. I will be pleased if he will stay. he has done one year and he needs to do one more year to make sure."

Sebastien Loeb agrees that it would benefit Raikkonen to stay for at least a second year in the WRC.

"He should, because this year he is only learning," Loeb said. "He cannot be competitive this year and if he stops then he has lost this year. If he continues next year he will arrive on the rallies knowing where he is.

"He has the notes, he can modify them, which is much easier than this year when he had to make them all from the start. He will know better the stages in his head. He can improve a lot from this year to next year.

"Especially because we all change cars, so he will get in the new car and we will also. I’m sure he would have more chances to succeed next season."

Da Autosport.com


Kimi tester per la Pirelli? – 30/06/2010


Pirelli si prepara: sarà Räikkönen il test driver?

Pirelli ha promesso che, per la prossima stagione di Formula 1, si punterà ad un approccio aggressivo per la scelta degli pneumatici, mettendo le squadre in condizione di fare delle strategie anche sulle gomme e migliorare lo spettacolo in pista.

In una intervista per Autosport, il direttore di Pirelli Motorsport ha ammesso che il costruttore italiano sta lavorando per fornire un pneumatico più duraturo ed uno più performante, ma che si degrada più velocemente: “Sono sicuro – dice Paul Hembery – che la F1 è pronta per questo e lo dimostra anche il fatto che in Canada la gente si è divertita. Non vogliamo essere solo fornitori, ma vogliamo partecipare a questo sport e renderlo spettacolare”.

Per sviluppare queste gomme, serviranno comunque tantissimi chilometri in pista. Per farlo, Pirelli si è già dotata di una Dallara di GP2 per iniziare la sperimentazione, almeno da qui fino alla fine della stagione. E’ stato infatti confermato che i team si fermeranno ad Abu Dhabi per provare gli pneumatici Pirelli, subito dopo la fine del mondiale. L’alternativa alla vettura di GP2, sembra esistere e lo conferma anche lo stesso Hembery: “Forse riusciremo a mettere tutti d’accordo usando una BMW F1 per sviluppare bene le gomme: questa potrebbe essere una scelta vincente”.

Alla guida della monoposto serve comunque un pilota d’esperienza. E negli ultimi giorni, è venuto fuori un nome importante, ossia quello di Kimi Raikkonen. Al finlandese potrebbe essere chiesto di testare gli pneumatici Pirelli in pista. Al momento, oltre al nome di Raikkonen, si parla anche di Nick Heidfeld, ma serve un pilota che non sia legato a nessun team di F1 al momento, per non dare presunti vantaggi a nessuno.

Hembery ha commentato con un “Non so se Raikkonen sarebbe interessato”, così il manager del pilota finlandese apre la porta: “Attualmente Kimi è totalmente impegnato in WRC, ma se la Pirelli è interessata, naturalmente ne parleremo. Poi, la decisione finale sarà Kimi a prenderla”.

Da BlogF1.it


Futuro incerto per Kimi – 06/06/2010


Kimi Räikkönen: “Possibile un rientro in F1, ma il rally è molto più divertente”

E’ di oggi la notizia che vede un Kimi Raikkonen ammettere che un rientro in F1 è “possibile”.
In un’intervista per il quotidiano austriaco Kleine Zeitung, il finlandese afferma che questa sua nuova vita nel mondo dei rally non gli dispiace per niente e il suo ritorno in F1, non è necessariamente un qualcosa che debba verificarsi in tempi brevi.
Durante un evento organizzato dal suo sponsor, la Red Bull, il 31 enne pilota replica in questo modo quando gli viene posta la domanda della possibilità di una seconda rinascita nella classe regina: “Sicuro che tutto è possibile. Il mio passato è stato molto significativo, non lo dimentico!”

Raikkonen ha parlato ovviamente non solo di F1, ma anche di questo suo rapporto lavorativo con la Citroen nel pianeta rallystico.

“Amo molto il mio lavoro e tutto l’ambiente. Devo ancora imparare tanto e voglio essere il migliore in tutto quello che faccio. Se tu non prendi con troppo impegno il tuo incarico, è certo che non vai molto lontano. Nessuno può vedere il futuro ma non nascondo che mi piacerebbe vincere il titolo mondiale nel campionato rally, sì, è un sogno. Mi devo concentrare totalmente sul mio presente, basta parlare del mio passato. Il rally è una disciplina molto più complicata della Formula 1 perché ogni fattore muta velocemente: il tempo, la superficie, la pista. Devi avere una mente flessibile e rispondere velocemente ad ogni inconveniente”.

E come lieto fine, quando gli viene chiesto qual è tra i due il più divertente, risponde senza esitare un solo attimo: “Il rally! Perché a ogni appuntamento è come affrontare una nuova sfida”.

Da F1Grandprix.it



F1 return possible but rallying more fun – Räikkönen

Kimi Raikkonen has admitted a return to Formula One is "possible".

But in an interview with Austria’s Kleine Zeitung, the 2007 world champion also sounded more than happy with his new foray in world rallying, and not keen to immediately switch back to the Grand Prix grid.

During an event for his sponsor Red Bull, the 31-year-old Finn answered "Sure, anything is possible" when asked if he is open to launching a second F1 career.

But when asked if he still feels like ‘Raikkonen, the F1 driver’, he said: "The past is what it is — over. I don’t miss it."

And Raikkonen raved about his new job with Citroen.

"I love this job and the whole environment. But I have much to learn and I want to be good at what I do. With a relaxed setting you do not go far."

Asked whether he would like to add a rally title to his F1 championship, Raikkonen admitted: "No one can see into the future, but yes, it is a dream.

"Now it is the time to learn; my Formula One past does me no harm."

He said rally is a more difficult discipline than F1.

"Because it’s constantly changing; the weather, the surface, the track. You have to be flexible, adjusting and responding quickly."

When asked which is more fun, he did not hesitate: "Rally! Because there are always new challenges."

Da Motorsport.com


Quale futuro per Kimi? – 02/06/2010


Manager not ruling out F1 switch for Räikkönen

Kimi Raikkonen’s manager has refused to rule out the prospect of the 2007 world champion returning to Formula One.

When Ferrari ended its contract with the 30-year-old Finn one year early, Raikkonen signed up with Red Bull sponsorship to race a Citroen full-time in the 2010 world rally championship.

It had been rumoured that a return to F1 with Red Bull Racing in 2011 was a possibility, but the energy drinks-owned team is now expected to renew on-form Mark Webber’s contract for another season.

"Kimi has committed himself to rallying and he seems to be enjoying that environment," team boss Christian Horner said in Turkey last weekend.

However, Finland’s Turun Sanomat reports that it was Red Bull advisor Helmut Marko most interested in replacing Australian Webber with Raikkonen.

Manager Steve Robertson said he is not sure what Raikkonen is going to do in 2011.

"We have not had any discussions in any direction for next season," he said.

"There will be a time when Kimi will think about what he wants to do."

When asked if Raikkonen’s F1 career is over, Robertson answered: "Never say never."

Da Motorsport.com


Kimi, piani per il futuro… – 28/04/2010


Räikkönen non cede alla Red Bull

La Red Bull gli sta facendo una corte spietata in vista del Mondiale 2011 ma Kimi Raikkonen se la prende comoda: costretto a lasciare la Ferrari (e la Formula 1) a causa dell’ingaggio di Fernando Alonso, il finlandese non ha ancora ceduto al team austriaco, che sembra sempre più deciso a dare il benservito a Mark Webber e intende puntare sull’ex campione del mondo insieme a Sebastian Vettel.
"Non ho ancora fatto alcuna scelta – ha assicurato il pilota finlandese al quotidiano "Turun Sanomat" -. Non c’è alcuna fretta, dobbiamo valutare le opzioni possibili e capire qual è la più interessante e appagante per il proseguimento della mia carriera. Il rally comunque mi piace, è professionale, ma anche un po’ meno stressante della Formula 1".

Da Sport.tiscali.it



Räikkönen lascia ancora aperte le porte della F1

Kimi Raikkonen dichiara di non aver preso ancora nessuna decisione riguardo un suo possibile ritorno in F1 nel 2011. Dopo aver terminato in anticipo il contratto con la Ferrari alla fine del 2009, il finlandese ha firmato con la Citroen e la Red Bull per correre al WRC, dove ha avuto un inizio difficile. Ma all’inizio di questo mese Raikkonen è diventato il primo pilota sin dai tempi di Carlos Reutemann a segnare punti sia in F1 che nel mondiale rally.
Poco dopo aver dichiarato che non gli manca la F1, l’ex ferrarista ha chiuso lo stage della Turchia in quinta posizione, 7 minuti dietro il vincitore Sebastien Loeb.
Ma quando gli è stato chiesto dal quotidiano finlandese Turun Sanomat se i recenti risultati positivi lo convinceranno a restare nel WRC anche nel 2011 Raikkonen ha risposto: “Non ho ancora preso nessun tipo di posizione. Non ho fretta di decidere. Dobbiamo analizzare le possibilità e capire quale sia la piùinteressante per me, cosa mi piace di più e cosa voglio fare,” ha aggiunto. “Prima o poi quest’anno lo vedremo,” ha detto.
Famoso per la sua poca pazienza verso le attività extrapista e le pressioni della F1, e considerato da molti come l’erede di personaggi come James Hunt, gli osservatori di Raikkonen affermano che sembra più felice nel mondo del rally.
“Se il mondo della F1 potesse tornare 20 anni indietro, sarebbe come fare rally ora,” ha detto l’iridato 2007. “Fare rally è come fare un’attività professionistica ma in modo molto più rilassato.”

Da F1Grandprix.it



La conferenza stampa organizzata dallo sponsor finlandese DNA per il lancio di una nuova campagna pubblicitaria televisiva, è stata l’occasione per raccogliere anche alcune importanti dichiarazioni sul futuro professionale di Kimi…

Video: http://www.mediafire.com/?ejumzmdrk1m

Da MTV3.fi (traduzione – versione inglese di Nicole@KR Forum Ufficiale)

Kimi Raikkonen ha offerto un’interessante conversazione intervenendo martedì ad Helsinki per l’evento organizzato dallo sponsor.

Lo spot DNA con protagonista Kimi è stata mostrato in anteprima agli ospiti invitati al cinema Tennispalatsi. Ma prima della proiezione Kimi ha risposto alle domande della giornalista Anette Latva-Piikkilä.

Kimi è apparso di buonumore e rilassato mentre ricordava il suo passato in F1 e ha anche mischiato un po’ le carte riguardo al suo futuro. Anette ha chiesto a Kimi come si vede tra dieci anni. “Beh la mia carriera è già abbastanza lunga. Certo, molto dipenderà anche dai prossimi anni ma non ho mai pensato seriamente di guidare fino a 40 anni. Può darsi che guiderò in qualche serie solo per divertimento, per il piacere di guidare. Ma sono sicuro che non sarà un lavoro a tempo pieno, per cui immagino che prima o poi mi ritirerò”, ha confessato.

Kimi ha risposto anche a cosa farà la prossima stagione. “L’ago della bilancia non pende dalla parte dei rally, nessuna decisione è stata presa ancora. Faremo ciò che sarà più sensato.”

….

[…] Parlando del proprio confronto con gli altri piloti di F1, Kimi ha anche svelato cosa lo rende diverso da altri campioni. “Di certo ci sono un sacco di cose, ognuno è una persona diversa. E molto dipende da come appari e da cosa pensi, ma io non mi sono mai preoccupato di cosa gli altri pensassero di me.  Non sono mai stato interessato a ciò che gli altri facevano, io ho sempre cercato solo di badare al mio lavoro.”

Secondo Kimi questa strategia ha sempre funzionato per lui, ma la stessa ricetta potrebbe non necessariamente funzionare anche per altri. Kimi ha ricordato che avere una buona macchina è fondamentale per il successo in pista. “Devi avere una buona macchina e una buona squadra. I grandi piloti sono più o meno allo stesso livello ma potrebbero esserci alcune piccole differenze in alcuni aspetti. I top driver non differirebbero molto gli uni dagli altri se li si mettesse tutti su una stessa macchina.”



Da MTV3.fi

Iceman ha potuto cimentarsi nei panni di attore durante le riprese dello spot DNA a Barcellona. “Non è stata affatto un’esperienza stressante, ma dubito che diventerò mai un vero attore. Non succederà mai”, ha sorriso Kimi.

Kimi non sta pianificando di diventare attore quando si ritirerà. Però l’esperienza è stata divertente e gli ha lasciato un buon ricordo. “E’ stata una giornata relativamente facile sebbene stia parlando di una cosa che non è mai stata una mia vera aspirazione.”

Secondo Kimi girare lo spot è stato decisamente più facile che gestire gli eventi nel mondo dei motori. “Tutto era organizzato molto bene, le persone erano veramente preparate e sapevano tutti cosa fare. Di solito nei rally o in F1 per una cosa che richiede 30 minuti si finisce per impiegare due ore e mezza, perchè nessuno sa mai cosa fare. Ma questa non è stata affatto un’esperienza snervante.”

Lo spot DNA con Kimi protagonista gioca sullo humor e scherza con l’importo delle bollette telefoniche. E visti i guadagni di Kimi, nessuno penserebbe mai che possano essere un problema per lui. Nel corso della sua carriera Kimi ha guadagnato oltre 100 milioni di euro.



Da YLE.fi

Kimi Raikkonen sta guidando nel WRC in questa stagione. I suoi piani per il futuro sono completamente aperti e Raikkonen non ha ancora intenzione di iniziare a preoccuparsi per il futuro. Non ne ha ragione, perchè come ha detto lui: “troverò sempre qualcosa da fare”.

Raikkonen è giunto 5° al Rally di Turchia. Parte delle speciali sono state disputate sull’asfalto. “Di certo è qualcosa di più familiare che guidare sullo sterrato ma là si guidava sull’asfalto con gomme da sterrato ed stato qualcosa di competamente diverso.” “E’ quando guidi con vere gomme da asfalto che allora tutto diventa più simile a ciò a cui ero abituato”.

“Ci sono piloti qui che guidano le stesse strade da 6-8 anni, ed è un bel vantaggio perchè ormai ricordano il percorso a memoria. Ecco dove sta la differenza. In estate ci saranno alcune gare sull’asfalto con percorsi completamente nuovi per tutti, e là nessuno avrà alcun vantaggio quindi.”

Il nome di Kimi è stato di nuovo accostato alla F1. Raikkonen ammette che le speculazioni sono parte di questo sport. “Innanzitutto bisogna dire ci sono molti reporter nel mondo della F1. Tutti vogliono scrivere una storia ed intervistano un sacco di persone, alcune delle quali raccontano deliberatamente cose sbagliate e altri invece cose giuste. Poi tutto viene mischiato. Ognuno vuole avere il proprio scoop. Ci sono sempre state voci e sempre ci saranno.”

Non c’è molto di vero nelle ultime voci. Hanno cercato di collegare di nuovo il Finlandese alla F1 ma al momento Raikkonen è concentrato sui rally. “Ho un contratto solo per quest’anno per cui può darsi che tutto cambi il prossimo anno. Non ho fretta di decidere alcunchè, ci sono ancora molti mesi davanti prima che debba iniziare a pensarci.”

Il ritorno in F1 è possibile ma Raikkonen ammette i contro di questo sport. Senza dubbio, la pressione dei media è minore nel WRC che in F1. “Di certo la F1 è lo sport nel quale ho trascorso più tempo, la mia vita, è stato il mio lavoro. Certamente potrei farlo ancora ma ci sono anche molte altre cose che potrei fare per vivere. Ci sono molte cose inutili in F1 che possono non piacere. Un sacco di cose futili, di persone che combattono per cose inutili. Che non hanno niente a che fare con lo sport e che rovinano molte delle cose buone della F1.”

Il contratto con la RedBull scade quest’anno. Iceman resta calmo e imperturbabile parlando del suo futuro. La porta della F1 non è ancora chiusa. “Devo vedere cosa porterà il prossimo anno. Non ho niente contro la F1 ma non è neanche così indispensabile. Di certo le cose possono cambiare all’improvviso. Non sono molto preoccupato, troverò sempre qualcosa da fare”, ha concluso Raikkonen.



Da MTV3.fi

Kimi Raikkonen ha recentemente raccolto il suo secondo miglior piazzamento nei rally, arrivando 5° in Turchia. E ora ha la possibilità di fare anche meglio a luglio, a Jyväskylä, dove l’estate scorsa si dimostrò sorprendentemente veloce nel suo primo vero rally WRC con la FIAT Punto.

“Jyväskylä è un rally familiare, tranne per la domenica” sorride Kimi riferendosi all’uscita di pista durante l’ultima tappa del sabato l’anno scorso a Jyväskylä.

“Speriamo di avere accumulato più esperienza per allora, in modo da poter guidare ancora più veloce e combattere per la vetta. E’ più facile affrontare le gare quando si conoscono le strade e le note. Questo aspetto sarà d’aiuto a Jyväskylä.”

Andare alla stessa velocità dei top driver è la motivazione più grande per Kimi lungo i sentieri dei rally. “Il mio obiettivo è sempre il top, altrimenti non avrebbe senso guidare. Sapevo sin dall’inizio che gli altri piloti sarebbero stati molto veloci ma la cosa importante è che posso migliorare un poco alla volta Quando hai successo in una tappa, ti dà già più fiducia in te stesso.”

Nove stagioni in F1 e 5 rally nel WRC danno a Raikkonen la possibilità di confrontare le due categorie anche in aspetti diversi dalla guida. “Non ci sono così tante gare nei rally come in F1, ma le gare sono più lunghe. La F1 di vent’anni fa era probabilmente molto simile ai rally oggi. Il rally ha uno stile più rilassato e impostazioni differenti. Non si trascorre tempo nel paddock, si sta in mezzo alla foresta a guidare da una tappa all’altra”.


Kimi parla della sua scelta – 18/12/2009


La “conversione” di Räikkönen potrebbe essere definitiva

“Forse torno in F1 tra un anno o tra due. O forse mai…”

Kimi Raikkonen mette in guardia chi pensa che il suo passaggio ai rally sia solo una cosa temporanea. Al momento dell’annuncio della sua firma con il Junior Team Citroen, il cui main sponsor è la Red Bull, tutti hanno fatto 2+2 dando per scontato che ci potesse essere sotto un accordo per il 2011 con l’omonimo team di Formula 1. Il finlandese però ha smentito categoricamente questa voce, spiegando che la sua “conversione” potrebbe anche essere definitiva. "Non ho nessun contratto per tornare in Formula 1 o cose simili, quindi non ho idea di cosa accadrà in futuro”, ha detto in un’intervista esclusiva rilasciata ad Autosport. “Ho due opzioni: continuare nei rally o tornare in F1. Voglio vedere come vanno le cose e poi decidere, anche perchè non ho alcuna fratta”.
L’ex campione del mondo non ha risparmiato una bella bordata anche alla Ferrari, spiegando di essere convinto che non sono state solo le scarse prestazioni ad allontanarlo da Maranello. “Dovete chiederlo a loro perchè non sono più alla Ferrari, io non lo so. Chiedetelo a quelli che hanno preso la decisione. Non mi interessa il perchè, ma sono sicuro di conoscere la risposta e che non ha niente a che vedere con le gare o con qualcosa che ho fatto”, ha tuonato. “Penso che quando ci sono di mezzo così tanti soldi possa sempre cambiare tutto e che l’ingresso della Santander (Banca spagnola che da sempre segue Fernando Alonso, ndr) abbia avuto un ruolo. Probabilmente hanno fatto anche altri accordi. Non so…”.
Sulla mancata chiusura dell’accordo con la McLaren ha spiegato che non si è trattato di una questione di soldi: “Avrei potuto firmare se avessi voluto, ma non era quello che volevo al 100%. E non è una questione di soldi come tutti pensano, ma è legata a tutti gli altri aspetti. Ad un certo punto mi sono detto che non c’erano ragioni per firmare un contratto di cui non ero felice”. Infine, Iceman ha confermato che c’erano stati dei contatti anche con la Brawn, quando ancora non era andata in porto la cessione alla Mercedes: “Probabilmente sarei potuto andare là, ma non avevo voglia di aspettare troppo a lungo. Potevamo raggiungere un accordo, ma quando è saltato quello con la McLaren ho iniziato subito a parlare con la Red Bull. Forse tornerò in Formula 1 tra un anno o tra due. O forse mai…”.

Da Omniauto.it



Räikkönen: WRC may be permanent

Kimi Raikkonen has said that there is no guarantee his switch to the World Rally Championship will be a temporary one, after admitting that it is not certain he will come back to Formula 1.

The Finn has signed to do a near full campaign for the Red Bull-backed Citroen Junior team in 2010 after failing to find a seat suitable for him in F1 next year.

And although many have viewed the 2007 world champion’s move across to rallying as an F1 sabbatical, Raikkonen himself says there is a chance his WRC switch could actually be permanent.

In an exclusive interview with this week’s AUTOSPORT, where he speaks for the first time about his move to rallying, Raikkonen said his long-term future was totally open.

"I don’t have any contract with F1 or anything else, so I have no idea what will happen," he said. "I have both options, to stay in rallying or try to come back to F1. I want to see how it goes, and then decide. I’m not in a hurry to decide.

"If it goes well, then I could keep doing it. There are many different scenarios. Right now it’s just for this year, both with Red Bull and with Citroen."

Raikkonen also reveals that he suspects there was more to Ferrari’s decision to get him out of his contract than simply his performance with the team.

"You have to ask them, I don’t know!" he says. "You need to ask the people who make those decisions. I’m not interested in the end why or when. I’m pretty sure I know the answer, and it’s nothing to do with racing or what I’ve done there.

"I think when there is enough money involved, you can always change anything! I think it’s a lot to do with Santander coming in. Probably they made some deal. I don’t know…"

Raikkonen admitted that he came close to signing for McLaren, and held talks with Brawn, but in the end could not secure himself the conditions that he wanted.

"I could have signed with them [McLaren] if I’d wanted to do, but in the end it wasn’t 100 per cent what I wanted. It was not really so much about money; it was all the other things. It’s not that I couldn’t have gone there but, like I said, I have no reason to do something with a contract that I’m not happy with."

Raikkonen insisted, however, that money was not the key factor in preventing a deal happening – even though the terms of his release from Ferrari meant he would get less money if he secured another drive in F1.

"Yeah, for sure there is something that if I raced with another team, I get a bit less. And there was no point to get paid less if I race with somebody. It was a complicated situation, but in the end that wasn’t the issue, the money side, although everybody thinks so. It wasn’t what I wanted."

Speaking about the Brawn situation, Raikkonen said: "Probably I could have gone there. I didn’t want to start waiting for a long time. For sure we could have got a contract in the end, but when the McLaren thing didn’t happen I already had the talks with Red Bull, so I just wanted to go there and see what happens in rallying. Maybe I’ll come back [to F1] next year or the year after. Or maybe not…"

Da Autosport.com


Dichiarazioni d’amore…


Räikkönen adamant on McLaren option

Kimi Raikkonen has reiterated his belief that it would be a waste of time to sign for any team other than McLaren next season, explaining he is only interested in fighting for the title in 2010.

Although talks between the Finn and McLaren appear to have stalled over financial terms and other contractual issues, like the number of sponsor appearances, Raikkonen has made it clear he is not interested in signing for anybody else.

"There is no point to go to other teams where you cannot win," said Raikkonen, who has also had an offer from Toyota. "They [McLaren] are the only team that can offer you a good car to be in a position to fight for the championship."

McLaren has been linked with Jenson Button and Nick Heidfeld in recent days, but it is believed that Raikkonen is still top of its list of candidates to partner Lewis Hamilton next year.

Rumours linking other drivers with the team certainly do McLaren little harm in showing Raikkonen that the team has plenty of other options for next year if the Finn is not willing to bring down his financial demands.

Raikkonen’s decision to either do a deal with McLaren or potentially take a sabbatical from F1 next season means that Toyota will now have to look elsewhere for a lead driver next year.

The Japanese manufacturer had hoped to do a deal with Robert Kubica before the Pole committed to Renault, and it subsequently set its sights on Raikkonen – who now also appears to have rejected its overtures.

Toyota F1 president John Howett said that Raikkonen’s decision meant the team was now clear on what it was going to do – although he would not elaborate on what that plan was.

"We tried to get Robert but he decided that Renault was more interesting," Howett told AUTOSPORT. "We are interested in Kimi although he has indicated that we hadn’t had contact and he is only interested in McLaren. Obviously from our side, if that is the situation it is fairly clear in which direction we want to go in.

"Even two or three years ago we indicated that we would like Kimi and, if he was available, we would be interested. We’ve put forward what we felt was an offer that we could sustain regardless of the budget situation, and so far it was obviously not appealing enough. So fine."

Da Autosport.com


Quale il futuro di Kimi? – 30/10/2009


Räikkönen: "La Toyota non è un’opzione"

Kimi Raikkonen ha smentito chi affermava che la Toyota fosse una delle sue opzioni per il 2010.
Il finlandese, che farà la sua ultima gara con la Ferrari questo fine settimana ad Abu Dhabi, è in trattativa con la McLaren ma ha già dichiarato più volte di avere altre opzioni, tra le quali un passaggio al mondiale rally oppure un anno sabbatico.
“Posso avere un anno sabbatico se voglio,” ha detto il trentenne, ammettendo che anche il rally è “senza dubbio” un’altra possibilità da considerare.
“Non si tratta solo di F1 o rally. Ci sono tante altre cose che posso fare e vedremo cosa accadrà’,” ha aggiunto Raikkonen.
Il problema con la McLaren sembra riguardare l’ingaggio, dopo che il presidente della Toyota ha affermato che non intende alzare l’offerta avanzata al campione del mondo del 2007.
Ma Raikkonen nega che la Toyota sia mai stata una seria opzione.
“Non ho neanche preso in considerazione la Toyota,” ha detto al canale finlandese MTV3. “Se voglio restare in F1, la McLaren è l’unica opzione. Entro i prossimi giorno dovrò decidere qualcosa.”
A parte i soldi, un altro punto intricato delle negoziazioni col finlandese riguarda il permesso chiesto dal pilota per partecipare ad alcuni rally. Quando ha guidato per la McLaren tra il 2002 e il 2006 il contratto di Raikkonen vietava qualsiasi tipo di attività pericolosa.
“Non ci si fa male. Qualsiasi altro tipo di guida porta soltanto più esperienza, quindi non vedo dove sia il problema. Ci sarà nel mio contratto un permesso per farlo,” ha insistito il finlandese
.

Da F1Grandprix.it


Il futuro di Kimi – 05/10/2009


Räikkönen: ”Nel 2010 corro per vincere o me ne sto a casa”

Un team vincente e un contratto remunerativo. Altrimenti, meglio stare a casa. Kimi Raikkonen non  prende in considerazione mezze misure per la stagione 2010. Il pilota finlandese lascerà la Ferrari al termine del Mondiale 2009 per lasciare il posto allo spagnolo Fernando Alonso. A 2 gare dalla fine  del campionato, il nordico non sa ancora cosa farà il prossimo anno. La soluzione arriverà nei prossimi giorni? "No", risponde secco il campione del mondo 2007. "Come ho già detto, non ho un contratto per il 2010. Sto valutando diverse opzioni e vedremo cosa succede. Non so quando ci sarà qualcosa da annunciare. Non so nemmeno se ci sarà qualcosa da annunciare", dice.
Il nome di Raikkonen viene accostato alla Mercedes. La casa tedesca potrebbe riportare il finlandese alla McLaren o ”smistarlo” alla Brawn GP. Norbert Haug, numero 1 di Mercedes Motorsport, ha già  detto che la casa di Stoccarda valuterà i costi in ogni eventuale trattativa. Raikkonen pone un paio di condizioni: "Prima di tutto, un contratto soddisfacente e una monoposto che consenta di lottare per il Mondiale. Non se ne parla nemmeno di andare in una squadra più piccola tanto per guidare". L’importante non è partecipare?  Nient’affatto. Non mi interessa guidare per il decimo posto,  preferisco stare a casa e fare altro. Se non posso avere una squadra all’altezza, con una monoposto all’altezza, ci penserò”.
Se una squadra emergente sogna di ingaggiare il finlandese, deve rassegnarsi ad una risposta negativa. "Voglio avere almeno la chance di vincere. Sin dalla prima parte della stagione bisogna avere una macchina che permetta di avere ambizioni", dice. I paletti di Raikkonen valgono anche quando si parla di un eventuale passaggio nel mondo dei rally. "E’ lo stesso discorso", dice il pilota di Espoo. "Non c’è motivo di andare se non c’è una macchina competitiva e una buona squadra.  Bisogna avere la possibilità di essere al top, bisogna avere tutto ciò che serve per puntare alle posizioni migliori", aggiunge. "Non ho mai guidato una macchina da Mondiale rally. Mi sono fatto un’idea nelle competizioni a cui ho partecipato, di sicuro serve molto allenamento. Lì l’esperienza è tutto, è un’altra storia rispetto alla Formula 1", conclude.

Da Sport.Sky.it



Q & A with Kimi Räikkönen

Q. Are you happy with that result?

Kimi Raikkonen: I mean it is fourth place. It is not much to be happy about, but what we have we need to be happy that we finished even fourth.

Q. You did not gain any positions at the start even though you had KERS. Was that disappointing?

KR: No. We chose to start with the harder tyres, so you are always going to give up a little bit of grip at the start. It is not really a long straight to the first corner. But we kept our place and, of course, you expect to gain a place but with the end result it didn’t make any difference.

Q. Your second stint, even though you were heavier, was much quicker than your first stint. Was that down purely to the tyres?

KR: Well, we had different tyres. We need to use both of the tyres and when you don’t have as much downforce as the others, when you run the harder tyres you keep sliding. When you run the softer tyres you have a bit more grip and the car was much better.

Q. Was there no chance to get Lewis Hamilton at the restart after the safety car?

KR: No. It is pretty hard to get close enough, even at the restart. We were sliding around, and they are much faster than us in a straightline. So even without the KERS, there was no chance for me to get him.

Q. You have maintained third place in the championship, so it is good isn’t it?

KR: Yeah. I don’t know how much the difference is – one point. But they seem to be faster than us so it will be difficult to keep them behind, but there are two races to go. Anything can happen, we will try and we will where we end up.

Q. Back in 2007 you headed into the final two races with a 17-point deficit to Lewis Hamilton but still won the title. Sebastian Vettel has a 16-points deficit now, is it easier for him knowing that he just has to go out there and go for the win?

KR: I don’t know if it makes much difference. The Red Bull is definitely a fast car, as we have seen this year. The Brawn – who knows what they are doing? I think the car is better than what they achieve at the moment. For sure, he [Vettel] has a chance but in the end the Brawns need to make quite a big mistake to lose it any more. But you never know. You need a few mistakes, a few accidents, and it all looks different.

Q. Did the car feel better on the softer tyre?

KR: Yeah. Overall the balance is the same, but you just have more grip across the tyre and then it improves a lot. It is a bit of a similar story to the last race, but with the hard tyre it was not as bad as the last race – but it was the same there. With the soft you gain grip and got faster.

Q. Will you resolve your future in a few days?

KR: No.

Q. So in Brazil will there be the same questions?

KR: I don’t know. Like I said, I have no contract for next year. I am looking at different options and we will see what happens in the future. I don’t know when we are going to tell anything – or if we have anything to tell.

Q. We saw this weekend quite a few big accidents, mainly from rookies. Some drivers complain that this is a bit of a dangerous circuit. What do you think?

KR: I think it is a dangerous sport. This is more a kind of old-style circuit. The new circuits have a lot of run-off with asphalt, so it makes no difference if you make a mistake, you can usually get back on the circuit. Here, if you make a mistake you are usually going to hit the wall and I think that is how it should be. You get punished for the mistakes and it makes it more exciting, and I think you need to be more precise.

Q. What are the criteria that you would like to use to choose your team for next year?

KR: There are many different choices what you want. But first of all, you want a contract you are happy with, and a car that you have a chance to win the championship with. There is no point to go to a smaller team and just drive. I get nothing from that.

Q. So you are not going rallying?

KR: I have no interest to drive around just in 10th place. I get nothing from that. I would rather stay home and do something else. If I cannot have the proper team, with a proper winning car, then I will think about it.

Q. Is rallying more appealing now that you have done it?

KR: No. It is the same story. There is no point to go there if you don’t get a good car and a good team. Whatever you do, you need to give yourself a chance to be up there, and have the equipment to fight for the best possible positions.

Q. Do you think you are ready to compete at the top level in rallying?

KR: I don’t know. I have never driven the world rally car. I have some idea from the rallies that I have done, but for sure you need a lot of practice. You need to give yourself time to be up there, and I think in F1 speed wise if you don’t have the experience it is not a problem. But experience there is everything. It is a different story.

Q. Having done both, what is easier – to go from F1 to rallying, or from rallying to F1?

KR: Of course, for me, there is only one direction to look. If I am doing F1, for me, it is an easy sport. I don’t know you would feel if you have never driven the car. But I would still say that the rallying is more difficult. You have more things changing there, you have the co-driver, you need to make the notes and understand what they are doing. In F1, you are doing the same circuits lap after lap, and there every kilometre is different. In that way, for me, it is harder to go rallying than F1.

Q. There is talk of Sebastien Loeb coming to F1. Which would you think would be the easier switch?

KR: For me, I would say coming to F1 is easier than us going there. But, like I said, doing F1, you can have no experience if you have never felt what an F1 car feels like to drive. It is a difficult question.

Q. You have two races left with Ferrari. What provides your motivation?

KR: It is the same thing that I said before. I have no interest in driving for a bad team next year. If I race here, I always try to finish as high as I can. I don’t need anything to motivate me. If I drive, I drive to do my best and that is it.

Q. Do you want a winning car from day one, or do you want to go to a team you can build up and make a winner?

KR: No. Like I said, if I want to race, I want to have a car that is ready there next year to win the championship. I want to have at least given myself the chance – and then it is up to me and the team to see what happens. But at least you have to have a car in the first part that gives you a chance to win.

Da Autosport.com


Mercato piloti in fermento – 28/08/2009


La McLaren insegue Kimi
Whitmarsh tratta il clamoroso ritorno di Räikkönen

Il finlandese si promuove («Ho dato sempre tutto») e pensa al futuro

Dall’inviato  Marco Evangelisti

SPA – Con la noncuranza dei grandi spi­riti, Fernando Alonso dice che sta par­lando in giro con un po’ di squadre, così, per capire di che vita sia meglio vivere il prossimo anno, ma che non ha ancora deciso nulla e che pensare di cavargli una scelta nel giro di una settimana o due è incauto ottimismo. Nel frattempo tiene in pugno la Ferrari, alla quale sal­vo improvvisi e improbabili rivolgimen­ti felicemente approderà in un tempo più o meno breve dando vita a un matri­monio d’allegria, basato sulla stima reci­proca e sulla concordanza delle passio­ni.
Ma intanto la Ferrari è strizzata da di­versi pugni. Un altro a tenerla per la col­lottola è Kimi Raikkonen, il quale con l’algida ironia di cui è capace ha scelto il momento peggiore per scrollarsi di dos­so la neve del letargo. I suoi occhi che brillano sempre di luce divampano quando si sale a Spa, una pista capace di accelerare i battiti dei cuori più freddi. Lui qui si diverte come si divertiva Schumacher, ha vinto tre volte e maga­ri quest’anno non ce la farà ma potrebbe portare la F60 ormai passata di moda e utilizzata solo come laboratorio per gli esperimenti utili al prossimo progetto ­nonché per mettere alla prova la cavia Badoer – sul podio per la terza volta con­secutiva, la quarta se si conta il terzo po­sto di Massa in Germania.
Lo scoprirà oggi nelle prove libere, spiega, «perché non ho incantesimi nel­le mani o formule matematiche mirabi­li nella testa, è che questa pista mi pia­ce e basta, non è la vista delle colline al­berate e l’aria fresca, semplicemente mi stuzzica guidare qui. Ma io posso anda­re bene se va bene la macchina. Vedia­mo se su una pista veloce come questa la Ferrari è buona quanto a Valencia» .
La sorte maligna che ha tolto di mezzo Massa con il colpo di molla in Ungheria sembra quasi aver voluto sgravare Raik­konen dal peso del confronto; ma uno co­me Kimi mai ammetterà di avvertire tensioni per causa d’altri. Il suo univer­so autarchico sta in piedi finché basta a se stesso. «E’ solo che all’inizio della sta­gione non mi sentivo a mio agio al volan­te e adesso la macchina risponde me­glio, è più simile a quella che vorrei. Ho poco da rimproverarmi, mi sono sempre battuto al massimo delle mie possibilità, un paio di volte non sono rimasto soddi­sfatto di me, però capita a chiunque» .
Un po’ per sentimento e un po’ per in­teresse, la Ferrari in questi giorni è pri­gioniera di Raikkonen. Oggi Massa avrà da un controllo medico approfondito a Miami le prime risposte sul suo futuro di pilota. La squadra aveva deciso di an­nunciare a Monza una coppia 2010 for­mata dal brasiliano e da Alonso. Ora de­ve aspettare. Raikkonen continua a ri­petere di sentirsi tranquillo e protetto dal contratto valido anche per il prossi­mo Mondiale. Al momento ha ragione. Però non sta aspettando i comodi della Ferrari e gli auspicabili successi dell’an­gelo custode di Massa. Per come la vede­va lui Maranello avrebbe dovuto essere la sua ultima sede, ma è una promessa che considera nulla dal momento che è proprio la scuderia a non ritenerlo più necessario.

Dal Corriere dello Sport del 28/08/2009


Belgian Grand Prix: Kimi Räikkönen ponders his future at Ferrari

With Fernando Alonso’s move from Renault to Ferrari an open secret, the Scuderia’s second race seat seemingly has become a battle between former world champion Raikkonen and Felipe Massa.

The choice has been complicated because of the horrific crash suffered by Massa in Hungary, which has left the Brazilian unlikely to race again this year.

Some felt that Massa would be parked at Renault for a year, while Raikkonen saw out the final year of his contract at Ferrari, but it is now thought that the Italian team may feel honour-bound to welcome Massa back with open arms after his ordeal.

Raikkonen, with a reported Ferrari contract worth $50 million (£31 million) to buy out, is not worried either way. "If for some reason I am not at Ferrari next season I know I’ll have a seat at another team in the paddock," he said. "It’s not a problem. Other teams want me.

"I’m too young to retire. I have a contract with Ferrari for next season. If I didn’t want to race next season I would not have signed a contract."

McLaren team principal Martin Whitmarsh revealed last week that the option to extend Heikki Kovalainen’s contract had passed and he was considering finding a new team-mate for Lewis Hamilton.

Meanwhile, Abu Dhabi has confirmed that its season-ending race on Nov 1 will start at 5pm – meaning it will start in daylight and finish under floodlights.

Da Telegraph.co.uk


Räikkönen lascia intendere il suo addio alla Ferrari

Kimi Raikkonen ieri ha ammesso per la prima volta la possibilità di lasciare la Ferrari a fine stagione. E nonostante il suo addio alla Rossa sia stato collegato ad un possibile passaggio nei rally il finlandese ha lasciato intendere che vuole invece restare in Formula 1.
"Se per qualche motivo non sarò alla Ferrari l’anno prossimo so che avrò un sedile in un altro team nel paddock" si legge sul Daily Telegraph. "Non è un problema. Altri team mi vogliono".
I suoi commenti coincidono con le incessanti voci della firma di un contratto con la Ferrari da parte di Fernando Alonso e quindi con la necessità del team di Maranello di rescindere il contratto di uno dei suoi piloti per il 2010: Raikkonen, o l’infortunato Massa.
E’ probabile un divorzio amichevole tra la Ferrari e Raikkonen che però avrà un costo elevato per il Cavallino dal momento che Raikkonen avrebbe guadagnato l’anno prossimo circa 45 milioni di dollari.
"Sono troppo giovane per ritirarmi. Ho un contratto con la Ferrari per la prossima stagione. E se non avessi voluto correre l’anno prossimo non avrei firmato un contratto" ha aggiunto Raikkonen.
L’eventuale trasferimento di Alonso creerebbe un posto vuoto in Renault, ma ovviamente la migliore chance per Raikkonen potrebbe essere un ritorno alla McLaren, dopo l’eventuale partenza di Heikki Kovalainen.

Da F1Grandprix.it


GP Belgio, conferenza stampa giovedì – 27/08/2009


Räikkönen: “Sono sicuro di trovare qualcosa da fare!” 
 
 
Francorchamps, 27 Agosto 2009 – Appena quattro giorni dopo essere arrivato secondo nel gran premio d’europa, Kimi Raikkonen è di nuovo alle prese con i media, nel paddock di Spa-Francorchamps che, al contrario del solito è oggi soleggiato e caldo. “E’ un posto carino ed un gran circuito” è stata la prima dichiarazione a proposito del tracciato che lo ha visto vincitore per tre volte. “Vorrei essere sul podio ancora una volta, ma non sapremo nulla fino alla fine delle prove di domani, che ci dovrebbero dare un punto di vista più obiettivo. La macchina si è comportata bene nelle ultime due corse, in realtà proprio al massimo, ma quando consideri che le ultime due gare erano in qualche modo simili a Monaco, allora non ci si può sorprendere”.

Visto la partenza molto breve, in salita, che porta ad un tornante molto stretto, i giornalisti hanno chiesto al pilota finlandese se il sistema KERS della vettura sarà di beneficio anche in questo caso: “Ci ha aiutato in ogni circuito, e sono sicuro che ci aiuterà anche ora” ha risposto Kimi. “Sarà particolarmente utile dopo la prima curva, nell’affrontare la collinetta e nell’uscita dall’ultima curva”.

E’ sembrato annoiato anche il flemmatico finlandese quando, come ogni giovedì prima di una corsa, i giornalisti gli hanno chiesto a proposito della sua situazione contrattuale con la scuderia. Questa volta Kimi ha deciso di rendere più colorita la sua solita risposta: “Non sono preoccupato del mio contratto – in molti sembrano più preoccupati di quanto lo sia io! Ho un contratto, certo, ma non sono io a decidere e quindi non ci posso pensare più di tanto. Ma qualsiasi cosa accada, sono sicuro di trovare qualcosa da fare!”. E quando si arriva al tema di come lui valuti le sue performance di pilota per questa stagione, senza contare le capacità della sua vettura, il pilota della Ferrari non ha problemi nell’ammettere che non è stato perfetto: “Come pilota ho fatto del mio meglio in ogni corsa, benché ci siano state, certo, alcune gare in cui non sono stato contento di come sono andate le cose, ma penso sia parte della Formula1. Sarebbe difficile passare un anno intero senza essere delusi di te stesso a un certo punto; ma, tirate le somme, sono comunque contento di come sono andate le cose. Certamente noi vogliamo vincere e fare sempre meglio, ma sfortunatamente, in questo momento, non abbiamo il giusto mix per raggiungere il massimo. Se fossimo in gara direttamente per il titolo, penso sarebbe sensato spendere risorse nello sviluppo ulteriore della vettura di quest’anno; nella situazione in cui siamo invece, penso che sarebbe una decisione sbagliata, poiché toglierebbe energie dallo sviluppo della vettura per il prossimo anno. Investire enormi risorse tentando di vincere una o due gare prima della fine della stagione non mi sembra logico, ma detto questo, sono sicuro che ci siano ancora alcune gare dove saremo in grado di raggiungere buoni risultati”.



Kimi Räikkönen Q&A: I have a contract for 2010

Whatever the Formula One rumour mill might say about Ferrari’s 2010 driver line-up, Kimi Raikkonen remains as cool as ever on the speculation surrounding his future with the team. The only thing he is willing to admit is that he has a contract for next year – and that any decisions will be made by people other than him…


Q: Kimi, is Spa one of you favourite tracks?
Kimi Raikkonen: Yes, it’s a nice place and I always like to race here.

Q: Do you think it’s possible here for Ferrari to have a fourth podium in a row?
KR: We will try, but we have to wait for tomorrow to get an idea of what will be possible. First you have to drive to see what is realistic.

Q: Is a win possible on a dry track?
KR: As I said before, we have to wait until tomorrow. Now there’s no point in thinking of how we could do. The car has been good in the last three races – as good as it can get, I think. But remember, that track in Valencia is close to that of Monaco and so it behaved better than at many other circuits.

Q: How much of a help will KERS be on this track?
KR: It helps at every race. I haven’t been in a meeting yet to find out where we will use it, but usually in the first corner and at the exit of the last corner – and somewhere in between – but that will be discussed with the engineers.

 
Q: There are a lot of rumours about you next season. What is your position now?
KR: It has not changed since the last race. I have a contract. I don’t worry about me – there are other guys out there who worry much more. As I said, I have a contract and it’s not me who makes the decision, so it makes no difference. I don’t worry.

 
Q: How many engines do you have left for the rest of the season?
KR: I don’t know. But we haven’t broken any of them, so we should have plenty.

Q: Are you satisfied with your personal performance this year?
KR: I’ve given my best at every race. For sure, there have been races where I haven’t been happy how it went, but that’s always part of racing. Sometimes you have bad races and you are disappointed with how it went, but that happens every year. Overall I am happy how things are going. For sure, we always want to be higher up.

Q: You have delivered good results in the last two races, so are you upset that the car has not developed better throughout the year?
KR: Sure, we would like to be better in the standings, but I think for now it is okay as it would take out time of the development of next year’s car. Once you fall behind you don’t have much of a chance to catch up. We still have some chances to get good results and get points, and of course everybody wants to win.

Q: Do you think that Luca (Badoer) will do better here than in Valencia?
KR: It should be easier here because he has been here before and has more knowledge about the car. But how well he’s doing we will see in practice.

Da Formula1.com


Presente e futuro di Kimi, brevi – 15/07/2009


Nurburgring: inaugurato il primo Ferrari Store tedesco

Tacciono i motori dopo il weekend della F1. Tacciono i motori, ma gli eventi legati a filo doppio al circus mondiale proseguono. E proseguono proprio su quello che, fino a domenica sera, è stato il teatro del nono appuntamento stagionale della Formula 1: il circuito del Nurburgring, in mezzo ai boschi dell’Eifel, dove è stato inaugurato il primo Ferrari Store per la Germania.

Il "taglio del nastro" è avvenuto ad opera proprio dei due piloti ufficiali della F60, Felipe Massa (che ha salutato l’evento con il terzo posto finale in gara) e Kimi Raikkonen. La novità, per il punto vendita Ferrari inaugurato al Nurburgring, è doppia, perché si tratta non solo del primo showroom del Cavallino in Germania, ma del primo Ferrari Store ad essere aperto all’interno di un circuito.

La struttura, che misura 240 metri quadri, è stata progettata per conto dello Zender Group (l’azienda che, nel 1981, inaugurò a Mulheim-Karlich la prima concessionaria Ferrari per la Germania) dallo Studio Iosa Ghini, seguendo l’idea di un omaggio alla storia e allo spirito della Ferrari già riprodotte dai progettisti per altre opere dedicate al Marchio del Cavallino (il Museo di Maranello e i Ferrari Store aperti, in questi anni, in Europa – Milano, Roma, Venezia, Barcellona; l’ultimo dei quali a Londra, nelle scorse settimane - e nel mondo: San Francisco, Miami, Macao e Abu Dhabi).

Ogni area espositiva del Ferrari Store del Nurburgring è stata creata come uno spazio esclusivo, che offre una vasta selezione di prodotto a marchio Ferrari dedicati ai possessori delle GT di Maranello e ai tifosi del Cavallino.

Completano il Ferrari Store, anche un’area di sosta con uno spazio lounge, una sala congressi e un’ala dedicata al relax.

Da Motori.it



Ora è il manager di Räikkönen a smentire le voci di mercato

Un altro membro dell’entourage di Raikkonen ha smentito le speculazioni che danno il finlandese fuori dalla Ferrari alla fine del 2009. “Queste voci sono pura spazzatura,” ha detto il suo manager Steve Robertson al canale televisivo finlandese MTV3.
Robertson ha detto che le voci, le quali suggeriscono un passaggio del ventinovenne al mondo dei rally, mentre al suo posto alla scuderia di Maranello arriverebbe Fernando Alonso, sono “infondati.”
“Credo che molte di queste speculazioni arrivino dalla stampa spagnola, ma non c’è nessuna verità in tutto ciò,” ha insistito Robertson.
Infatti, le ultime speculazioni rimbalzano sempre dalla Spagna. Il quotidiano iberico Marca afferma che Robertson e suo padre David siano stati avvistati nel motorhome di Brawn, Toyota e Renault durante lo scorso fine settimana.

Da F1Grandprix.it



Domenicali garantisce Räikkönen alla Ferrari

Sia l’agente di Kimi Raikkonen che il team manager della Ferrari, Stefano Domenicali, hanno smentito le ultime voci riguardo il futuro del finlandese.
Negli ultimi giorni è stato riportato incessantemente che il campione del mondo del 2007, il quale farà il suo debutto nel WRC alla fine di questo mese, intende lasciare la F1 per concentrarsi nel mondiale rally a partire dal 2010.
Ma Riku Kuvaja, l’agente del pilota della Ferrari, ha detto al quotidiano Iltalehi: “Il contratto è ancora valido e lo rispetteremo.”
Il Turun Sanomat, un altro quotidiano finlandese, ha chiesto a Stefano Domenicali un parere sulle voci che legano Raikkonen a un futuro lontano dalla scuderia di Maranello ed il possibile arrivo di Fernando Alonso al suo posto.
“Non c’è nulla di nuovo,” ha insistito l’italiano. “Di sicuro tutti si ricordano dell’ultima stagione, quando le voci erano le stesse. Si deve credere a quello che dice il team e ai fatti, non alle voci,” ha aggiunto Domenicali, quando gli hanno chiesto perché nel paddock si parla spesso di Fernando Alonso come il sostituto di Kimi Raikkonen.

Da F1Grandprix.com



Räikkönen potrebbe ritirarsi nel 2010 per dedicarsi ai rally

Kimi Raikkonen potrebbe abbandonare la Formula 1 nel 2010 e dedicarsi a tempo pieno ai rally. E’ quanto sostiene la rivista sportiva finlandese Vikkaaja. Il campione 2007 di F1 ha recentemente partecipato a tre eventi minori in Finlandia e in Italia e farà il suo debutto nel mondiale rally nel suo Paese alla fine di questo mese.
Mentre i top team impediscono ai propri piloti di partecipare a competizioni pericolose tramite clausole contrattuali, la Ferrari ha lasciato a Raikkonen la possibilità di mettere alla prova le sue capacità al volante di vetture rally, alla luce del possibile arrivo di Fernando Alonso nella prossima stagione.
Un amico di Raikkonen ha dichiarato a Veikkaaja: "Kimi non parla più di Formula 1, ma solo di rally".

Da F1Grandprix.it


Kimi e il mercato piloti, intervista – 05/06/2009


Il pilota finlandese in versione confidenziale promette fedeltà totale alla causa di Maranello

Kimi: Cara Ferrari, resto qui

«Parlano di Alonso, ma io so cosa pensa di me il team. Volevo ritirami, ora mi diverto troppo»

Dall’inviato Marco Evangelisti

ISTANBUL – Kimi Raikkonen è vivo e vegeto, sta bene e lotta insieme con noi. Anzi con loro, con la Ferrari, della qua­le si sente ancora parte integrante. Ri­spetto a Felipe Massa ha un vantaggio: non si crea angosce sul futuro suo e del­la Formula 1. Ha i soldi in banca, un ti­tolo mondiale dietro le spalle e non cal­cola mai quanto quel successo si stia fa­cendo lontano. E’ del 2007, ricordate? Lui sì, e tanto gli basta. Incrociato per il tempo sufficiente a bere un paio di bic­chieri d’acqua, spiega che cosa pensa e che cosa sente in questa stagione che forse sta cambiando. Non spreca parole, come al solito, ma neppure le risparmia.

Raikkonen, si è preso un appuntamen­to con la prima vittoria?
«E’ stupido promettere se non sei sicuro di mantenere. Ai tifosi della Ferrari pos­so dire che siamo sulla strada giusta. Mi­glioriamo, cresciamo. Ma devono avere pazienza ancora per qualche gara. A me­no che non capiti un’occasione specia­le».
 
A Montecarlo l’avete avuta.
«Infatti quella è una pista speciale. Qui in Turchia è tutto assai meno peculiare. Credo che le Brawn andranno forte, e la Red Bull anche. A Montecarlo eravamo certamente la seconda forza, in Turchia non lo so».
 
Pessimista.
«No, realista. Realista come quando af­fermo, e ne sono convinto, che possiamo ancora vincere il Mondiale. E’ una pos­sibilità molto piccola, ma c’è. Anche se il tempo stringe. Ci riusciremmo solo se la Brawn trovasse molte giornate infelici e noi molte eccellenti».
 
Lei non arriva primo in una gara da più di un anno. Che cosa è accaduto a un certo punto dello scorso campionato?
«Nulla di particolare. Ho commesso qualche errore. E quando mi sono tro­vato indietro, in affanno, con una mac­china che non mi faceva sentire del tut­to a mio agio, non ho trovato la forza di risalire».
 
I fan della Ferrari si chiedono se Raik­konen abbia ancora voglia di guidare in Formula 1.
«E io rispondo che se non avessi voglia smetterei. Non c’è niente che mi obbli­ghi a continuare, non gareggio per i sol­di, non solo per i soldi almeno. Lo faccio perché mi diverto. Se ho la possibilità di vincere non la butto via».
 
Quindi non le è mai venuto in mente di ritirarsi?
«Ci sono momenti in cui quel tipo di idee ti passa per la testa. Mi è accaduto più volte, in passato. Anche durante la scor­sa stagione. Ma quest’anno no, mai. Que­st’anno ho sempre e solo pensato a fare del mio meglio. Ho un contratto con la Ferrari per la prossima stagione e inten­do rispettarlo».
 
Anche se l’opinione pubblica preferi­rebbe vedere Alonso al suo posto?
«Questa è una storia inventata da qual­cuno. Leggo anch’io i giornali e trovo buffo che una settimana si scriva una co­sa, la settimana dopo esattamente l’op­posto e poi si ricominci il ciclo. Ma io so con precisione che cosa pensano di me in squadra, conosco le persone e il rap­porto che mi lega agli altri membri del team. Quello che si racconta fuori di qui non mi cambia la vita».
 
Non dica che è soddisfatto di tutte le sue prestazioni di quest’anno.
«Non di tutte. In Cina per esempio non mi sono piaciuto. Ho sofferto troppo un rendimento insufficiente delle gomme».
 
Nel 2010 preferirebbe essere su una Ferrari o su una Litespeed?
«Eh eh. Sono sicuro che la questione si sistemerà. Adesso giocano tutti a mo­strare i muscoli, ma alla fine la Formu­la 1 del prossimo anno non sarà molto diversa da questa. Mi piacerebbe prova­re un campionato americano, o Le Mans, per curiosità. Ma a conti fatti sono con­tento del mio lavoro attuale».
 
Però le piace parecchio partecipare ai rally.
«Dovrò pure inventarmi qualcosa per quando lascerò la Formula 1».
 
Quanto pagherebbe per battere il suo compagno di squadra qui dove non per­de mai?
«Lui ha vinto le ultime tre volte, se non sbaglio. E io una volta. Non c’è tutta que­sta differenza».
 
Massa è molto attento alla curva 8.
«Oh, non è niente di speciale. Quando sbagli rischi di finire fuori, come in tut­te le curve del mondo».
 
Perché durante la sfilata dei piloti guarda nel vuoto?
«No, è che ogni tanto vedo un bel poster a bordo pista e m’incanto a guardarlo».
 

Da il Corriere dello Sport del 05/06/2009


Räikkönen e il futuro della F1 – 09/05/2009


Intervista a Kimi Räikkönen 
 
Montmelo, 10 maggio 2009 – L’intervista che segue è stata rilasciata alla BBC dal pilota finlandese della Scuderia Ferrari Marlboro.

Kimi, hai appena inaugurato il Ferrari Store, hai tifosi ovunque vai oppure puoi ancora mantenere un po’ di anonimato?
Se vado per conto mio la gente non si aspetta che io sia in qualche posto. Se vado da solo probabilmente la gente non mi nota, ma questo è lavoro, e non è la mia vita privata.

Stiamo per arrivare a Barcellona, è passato esattamente un anno dalla tua ultima vittoria.
Si, a volte va così. Se pensate che sia passato molto tempo, in realtà bisogna considerare che il tempo passa molto in fretta in F1 e speriamo di vincere ancora. La macchina è un po’ migliore ora, quindi mi aspetto che saremo un po’ più forti, ma non so quanto le altre squadre siano migliorate, quindi aspettiamo e vediamo.

Se qualcuno ti avesse detto che saresti arrivato a questa gara con soli tre punti, ci avresti creduto?
Non so se è sfortuna, semplicemente non siamo forti come dovremmo essere. Nulla è prevedibile in Formula 1, tutto cambia molto velocemente. Siamo in questa situazione ora e dobbiamo soltanto cercare di uscirne e provare a migliorare e tornare al livello a cui dovremmo essere.

Quali saranno i miglioramenti della macchina?
Abbiamo un nuovo pacchetto aerodinamico. Abbiamo fatto alcuni test direttamente in pista ma sulla base di quelli è abbastanza difficile quantificare il miglioramento. Sicuramente saremo in una situazione migliore rispetto alle scorse gare.

Dal tuo punto di vista come pilota quanto ti piace essere al volante di una Ferrari, un marchio di così grande prestigio? Vorresti che la squadra riconquistasse i suoi risultati storici?
Certamente, sarebbe meglio fare dei bei risultati e belle gare, ma le corse sono fatte così a volte. La Ferrari è il posto ideale per correre e per farne parte, quindi non la cambierei davvero con un’altra squadra. Sono stato in altre squadre in F1 ma la Ferrari è in molti sensi un posto diverso. Sono molto felice di esserci. E’ chiaro, non siamo contenti come eravamo probabilmente lo scorso anno perché non stiamo vincendo ma è normale in tutte le competizioni, quando cominceremo a vincere sarò più contento, ma devo dire che l’atmosfera nella squadra non è cambiata.

Alcuni hanno detto che alla Ferrari manca un leader, pensi di poter motivare la squadra?
Ci sono sempre chiacchiere su chi fa cosa, ma la gente non sa mai veramente come stanno le cose. Sempre c’è qualcuno che critica qualcun altro se non si vince ma noi abbiamo persone molto valide, e un bel rapporto di lavoro, e queste sono le stesse persone che l’anno scorso vincevano, quindi non è che non sappiamo cosa dobbiamo fare. Sfortunatamente non ci è andata bene quest’anno e magari quando cominceremo a vincere, allora tutti parleranno bene di noi, ma anche questo fa parte di questo mestiere. La pubblicità negativa arriva quando le cose vanno male.

Quando ti svegli al mattino, cosa ti dà motivazione?
Di sicuro, quando si vince è facile, ma quando non si va bene si aspetta, specialmente quando sai che si stanno facendo dei passi avanti nella macchina e si può tornare dove si era prima. Ma mi piacciono le corse, e il resto è collaterale. Amo correre e questa è la cosa principale. Anche quando non hai la macchina migliore provi a tirarne fuori il meglio e quando riesci a farcela, la sensazione è molto bella.

Alcuni hanno espresso dei dubbi circa il tuo impegno e motivazione. In Malesia, stavi mangiando un gelato appena sceso dalla macchina – è sembrato che la squadra fosse sorpresa.
Mah, non ce n’è motivo. Mi ero appena ritirato. Ho avuto un problema con la macchina e non me ne stavo andando, quindi si è fatto un gran parlare sul nulla. Posso fare quello che mi pare quando ormai sono fuori dalla gara. Si fanno sempre delle storie da tante cose insignificanti, ma non mi importa sinceramente. Sono in questo lavoro da molto tempo quindi ne sono consapevole e non mi importa così tanto cosa scrivono su di me.

Ti piace anche fare rally, come è stato il Rally dell’Artico?
E’ completamente diverso dalla Formula 1 e quando una cosa è nuova è eccitante. Avevo desiderato farlo da tanti anni e quando ne ho avuto la possibilità, ho fatto anche altri rally in seguito. Ci sono molte cose che devo imparare ma è una bella sfida e mi è piaciuta.

Nel futuro dopo la Formula 1 ti vedi pilota di rally o a seguire Mika Hakkinen nel DTM?
Nel DTM sicuramente no, non mi interessa ma il rally è uno sport che mi è sempre più congeniale e probabilmente quando smetterò di correre in Formula 1 proverò a fare più rally e forse a prenderli più seriamente, e vedremo cosa succede.

Invece riguardo al tuo futuro in Formula 1, pensi che correrai più Gran Premi possibile?
No, non la penso proprio così. Sono stato abbastanza in questo sport e non mi interessa semplicemente continuare a fare gare o andare in tante squadre. Sono felice di dove mi trovo adesso e ho un contratto per il prossimo anno, poi sarà una mia decisione quello che vorrò fare dopo. Vedremo come va e come la Formula 1 andrà, prima di tutto. Ci sono molti punti interrogativi e nessuno sa che regole ci saranno il prossimo anno.

Se verrà fissato un tetto massimo di spesa in 40 milioni di sterline, pensi che la Ferrari rimarrà in F1?
Non lo so. Ci sono tanti interrogativi e non sono la persona giusta per rispondere.

Ti piacerebbe correre in una serie di quel tipo?
Penso che non sarebbe più Formula 1, e questo è il motivo per cui c’è un punto di domanda, quindi vedremo quello che succede, ma sicuramente porterò a termine il mio contratto e poi vedrò cosa succede. Comunque non ho fretta, aspettiamo e vediamo.

Come ti piacerebbe che fosse il futuro della F1? Pensi che dovrebbe essere fissato un tetto di spesa?
Dovrebbero essere fissato un budget ragionevole per tutti, ma è difficile equiparare le squadre più grandi a quelle più piccole, quindi è molto difficile fare tutti contenti, questo è il problema principale. Sarebbe bello avere meno differenze ma stiamo andando in quella direzione e la situazione certamente deve ancora migliorare.

In questa stagione pensi di essere ancora in lotta per il Campionato o pensi che per il 2009 ormai non sia più possibile?
Le prossime gare mostreranno in che direzione stiamo andando ma sappiamo che sicuramente sarà difficile. Alcune squadre sono più veloci di noi adesso e non sarà facile raggiungerle. Possiamo vincere delle gare quest’anno ma non sono sicuro che possiamo lottare per il Campionato. Proveremo a farlo e a vedremo cosa succede – sicuramente non molleremo.

Da Ferrari.it



Wary Räikkönen ponders F1 future

The sport’s governing body, the FIA, wants to limit budgets to £40m in a bid to ease financial pressures on teams and make racing more competitive.

Raikkonen says it may drive him out of F1 when his contract expires in 2010.

"This is not F1 anymore. That’s why there is a question mark. We’ll see what happens," the Finn said.

FIA president Max Mosley is proposing that teams who operate under the budget cap would have more technical freedom than those who do not.

But teams are opposed to the plan because they feel it would confuse the public.

F1 commercial rights holder Bernie Ecclestone also wants the championship to be awarded to the driver who wins the most races, rather than the current points system.

"There are a lot of question marks and nobody seems to know what kind of rules we are going to get," said Raikkonen, who won the world championship in 2007.

He added: "I’m happy where I am now, I have a contract for next year then it’s more or less my decision what I want to do.

"We’ll see how it goes and how F1 is going. There are a lot of question marks. Nobody seems to know what kind of rules we are going to get.

"I will definitely finish my contract but I’m not in a hurry and we’ll wait and see."

Ferrari are the oldest team in F1 but president Luca di Montezemolo says the spending cap could damage the sport if it penalises teams with traditionally bigger budgets.

When asked if Ferrari would still contest F1 if a budget cap were introduced, Raikkonen said: "I don’t know. There are a lot of question marks and I’m not the guy to answer those."

"There needs to be a reasonable budget for everybody," he added.

"It would be nice to get close racing; we are getting there now but it still needs to improve.

"But it’s hard to put the bigger and smaller teams on the same level as it’s very difficult to make everybody happy."

Raikkonen said he did not want to leave Ferrari and that he would not stay in F1 if he did not have a front-running car.

Ferrari made their worst start to a season for 28 years when they failed to win any points in the first three races of 2009.

Raikkonen got the team up and running with sixth place in Bahrain.

Ferrari have introduced a heavily revised car for this weekend’s Spanish Grand Prix, but the Finn concedes it will be difficult to re-ignite the defence of their constructors’ title with 13 races to go.

"We can win races this year but I’m not so sure we can fight for the championship," said the 29-year-old, whose last victory came a year ago at the 2008 Spanish GP.

"The next few races will show which way we are going to go but we know it is going to be difficult.

"Some teams are faster now than us and it’s never going to be easy to catch them up.

"We’re not as happy as we were last year but the atmosphere in the team hasn’t changed. There is always some motivation – we don’t give up that’s for sure."

Da Bbc.Co.Uk


Giusto per chiarire il concetto… 05/11/2008


Montezemolo: "False le voci su Alonso alla Ferrari"
Luca Cordero di Montezemolo ha ribadito che le voci che parlano di Fernando Alonso alla Ferrari per il 2009 sono infondate. La stampa spagnola aveva parlato questa settimana di uno scambio di sedili dell’ultim’ora tra il pilota della Renault e Kimi Raikkonen.
"Non voglio mancare di rispetto ad Alonso o a chiunque altro" ha dichiarato il presidente della Ferrari a La Repubblica, "ma abbiamo già due piloti. Resteremo con questa formazione per l’anno prossimo come abbiamo già annunciato. Tutto il resto sono montature e spero che queste voci smettano di circolare. Abbiamo anche già confermato i due nostri collaudatori, Badoer e Gene. Squadra che vince non si cambia. E abbiamo vinto" ha spiegato Montezemolo in riferimento al titolo costruttori.
"Massa ha dimostrato le sue qualità, è un campione in attesa. Per quanto riguarda Raikkonen mi aspetto torni ai livelli straordinari dell’anno scorso e dell’inizio di questa stagione" si legge su La Stampa. "In alcune occasioni, Hamilton ha fatto errori, come a Spa, ma è stato fortunato a trovare la ghiaia e non il guard-rail. L’addio di Raikkonen non è mai stato discusso: i suoi punti sono stati utili per il titolo costruttori. La Ferrari ha la coppia più forte del campionato, non cambieremo. Alonso? Per il futuro tutto è possibile. Un giorno mi ritirerò ad esempio! Ma l’anno prossimo vogliamo riconquistare il titolo piloti con Massa e Raikkonen, siamo fiduciosi di riuscirci".
 
Da F1Grandprix.it


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 187 follower