A proposito di Kimi

Bahrain test 2° giornata, Kimi–22/02/2014

Giornata produttiva per Kimi

Circuito: Circuito di Sakhir – 5,412 km Pilota: Kimi Raikkonen Vettura: Ferrari F14 T Meteo: temperatura aria 20/26°C, temperatura asfalto 22/36 °C. Sole. Giri/Km percorsi: 82/443 Miglior tempo: 1:36.718 Si è conclusa oggi sul Circuito di Sakhir la seconda sessione di prove precampionato della Scuderia Ferrari, con Kimi Raikkonen nuovamente alla guida della F14 T. La giornata è stata produttiva e la squadra è riuscita a completare tutte le prove previste dal programma tecnico, nonostante l’urto della F14 T contro le barriere a cinque minuti dalla fine abbia causato la chiusura anticipata del test. Durante la mattina il lavoro della squadra è stato incentrato sulle prove di assetto, sulla valutazione degli pneumatici Medium e Soft e sulla messa a punto delle procedure di partenza. Il pomeriggio è proseguito effettuando alcune prove aerodinamiche con giri sulla lunga distanza. In totale, i giri percorsi da Kimi sono stati 82, il più veloce nel tempo di 1:36.718. Nell’arco delle quattro giornate di Sakhir, la F14 T ha completato 287 tornate, pari a 1,553 km.“Siamo riusciti a migliorare alcune cose da Jerez e continuiamo a capire cose nuove sul comportamento della vettura” – ha detto Kimi a http://www.ferrari.com – “Abbiamo provato diverse soluzioni per cercare di prepararci al meglio per i test della prossima settimana e per l’inizio della stagione. L’urto contro le barriere? Mi sono girato sul cordolo all’uscita della curva 4, può succedere! Fortunatamente è avvenuto nel finale, mi dispiace solamente che costringerà la squadra a fare del lavoro extra.”Il prossimo appuntamento in pista è per il 27 febbraio, quando la Scuderia Ferrari e le dieci squadre di Formula 1 torneranno sul Circuito di Sakhir per il terzo e conclusivo test prima dell’inizio del Campionato.

Da Ferrari.it


Räikkönen: “Concentrati sul nostro lavoro”

Sakhir, 22 febbraio – Anche il secondo test della stagione è concluso. Kimi Raikkonen traccia un bilancio dei suoi due giorni al volante della Ferrari F14 T: “Non riesco ancora a dire quanto siamo veloci, è solo il secondo test della stagione ed è difficile capire quali sono i valori in campo. Una cosa è certa, via via che prenderemo confidenza con la vettura diventeremo sempre più veloci. Non credo che neanche il prossimo test in Bahrain sarà rivelatorio, per capirne di più bisognerà arrivare in Australia. La macchina è ancora un laboratorio, ci sono ancora diverse cose che dobbiamo finire di conoscere e di provare. Devo dire che prima di poterci dire al cento per cento pronti abbiamo ancora molto lavoro da fare”.Degli avversari il finlandese non si preoccupa più di tanto: “Certamente i team motorizzati Mercedes sono andati bene qui ma noi avevamo un programma e non è detto che quelli che hanno fatto i tempi migliori ne avessero uno uguale. Come detto questo è un test e nei test si provano cose, si farà sul serio da Melbourne in poi. A noi in questo momento non interessa perfezionare la velocità ma l’affidabilità per portare a termine senza problemi le prime gare. Anche i giri fatti con le gomme più morbide non erano finalizzati alla ricerca della prestazione ma a valutare quali assetti preparare in funzione di quel tipo di gomma. I long run fatti dagli altri non mi preoccupano, noi abbiamo i nostri programmi. I long run per noi sono previsti la settimana prossima”.Il test si è concluso con un incidente, a cinque minuti dalla fine della sessione: “A fine turno non si è trattato di un problema tecnico, sono semplicemente finito in testacoda alla curva 4, ho danneggiato la vettura ma non credo sarà un problema rimetterla a posto per la settimana prossima. Forse sono finito troppo largo su un cordolo, poi si è innescato un pattinamento che mi ha fatto perdere il controllo della vettura e ho sbattuto”.

Da Ferrari.it


Ferrari’s Kimi Räikkönen accepts the blame for Day Four crash in Bahrain

Kimi Raikkonen admitted it was his fault he spun into the barriers during the final minutes of Day Four the first Bahrain test.

The Finn ensured the four days of running finished under a red flag after he caused significant damage to the front of the F14 T.

"I spun, hit the wall and that is it," the Finn told the media when asked what had happened. "I spun on the kerb at the exit of turn 4, these things can happen! Luckily, it was right at the end of the day, I’m only sorry because it means the team now has more work to do."

Raikkonen’s accident came on his 82nd lap of the day and, with Ferrari currently sitting third in the pre-season mileage charts, the Finn admits he is pleased with how the Scuderia’s preparations are progressing.

"I think they are not too bad really," he added. "Obviously there are a lot of things to do still, but I can only look at our own situation – we don’t know what the others are doing and are not really interested in that at present.

"We will see exactly where we are at the first race. The reliability aspect has been okay for us, but speed wise I don’t know where we are, but we will keep doing our work and hopefully find out we are more or less where we should be. I think it is pretty okay right now, but for sure we want to improve things and there is still a long way to go before the season.

"You always want more laps, but we didn’t have any problems and then I damaged the car with the crash. There were a lot of red flags, but we did more or less what we wanted to do. We could do long runs, but the plan was to do something else."

The 34-year-old missed the final two races of the 2013 season to have surgery on a long-standing back injury – reported to have been caused by a testing accident in 2001 for Sauber – but the Finn insists he is now fighting fit once more.

"It has been okay since I had the operation and hopefully it stays like that," he said. "With these things you never know, it has been there for a long time and some days it is good and the next day it might not be. It is one of those things, but it has been much, much better."

Fastest laps of Bahrain Test One
1. Nico Rosberg, Mercedes, 1:33.283, Day Four.
2. Lewis Hamilton, Mercedes, 1:34.263, Day Three.
3. Kevin Magnussen, McLaren, 1:34.910, Day Two.
4. Jenson Button, McLaren, 1:34.957, Day Four.
5. Nico Hulkenberg, Force India, 1:36.445, Day Two.
6. Fernando Alonso, Ferrari, 1:36.516, Day Two.
7. Kimi Raikkonen, Ferrari, 1:36.718, Day Four.
8. Felipe Massa, Williams, 1:37.066, Day Three.
9. Esteban Gutierrez, Sauber, 1:37.180, Day Three
10. Valtteri Bottas, Williams, 1:37.328, Day Two.

Da SkySports.com


Da SkySport24

 

Da Raisport:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...