A proposito di Kimi

Al passo, parla Robertson–01/04/2015

Manager Raikkonen: “Kimi in grado di tenere il ritmo di Vettel”

1 aprile 2015 – Il manager di Kimi Raikkonen, Steve Robertson, ha confermato che il suo assistito è assolutamente in grado di esprimere lo stesso livello di prestazioni del compagno di squadra alla Ferrari, Sebastian Vettel.

Ma se l’anno scorso il confronto con Alonso era davvero impari per via di una monoposto che non corrispondeva allo stile di guida del finlandese, nel 2015, nonostante la SF15-T sia finalmente in linea con le caratteristiche di Raikkonen, quest’ultimo si trova già a 28 punti di distacco dal collega di marca tedesco nella classifica iridata. Come detto le due situazioni sono diametralmente opposte e ciò depone sicuramente a favore del trentacinquenne di Espoo. Questo perché bisogna tener conto che in Australia è rimasto vittima di un problema tecnico, innescatosi al primo pit stop a causa di un episodio che l’ha visto azionare la frizione con un attimo di anticipo mentre il dado della ruota non era ancora stato fissato. In Malesia, purtroppo, dopo una qualifica non perfetta, Raikkonen ha subito il tamponamento da parte della Sauber di Nasr, che nei primi chilometri di gara gli ha forato la ruota posteriore sinistra, sempre lei, costringendolo ad un lunghissimo giro di rientro prima di poter sostituire il pneumatico danneggiato o quel che ne rimaneva attorno al cerchione.

Tutte difficoltà che, secondo Robertson, non hanno a che fare con la performance che è in grado di esprimere il campione del Mondo 2007, bersagliato più che altro dalla sorte avversa in occasione degli episodi di cui abbiamo accennato in precedenza. “Credo fermamente che Kimi e Sebastian siano molto vicini e possano esprimere il medesimo livello di prestazioni” – ha dichiarato il manager di Raikkonen al quotidiano finlandese Turun Sanomat – “La cosa più importante è che Kimi sia molto soddisfatto della macchina. L’intero pacchetto è molto più competitivo che nella passata stagione. Venerdì, durante le libere, Kimi è stato in grado di dimostrare quello che è il suo reale potenziale. Cosa alla quale molti concorrenti hanno prestato parecchia attenzione”. Una consapevolezza che pare abbiano maturato in pieno anche in casa Ferrari, dove il team principal, Maurizio Arrivabene, ha difeso la scelta di confermare ancora Raikkonen nonostante un 2014 decisamente sottotono e dopo averlo comunque punzecchiato al termine delle qualifiche a Sepang.

Infatti, quando al manager bresciano è stato chiesto da Sport Bild se avesse preferito avere a fianco di Vettel un pilota grintoso e combattivo come Fernando Alonso, quest’ultimo ha risposto: “Non credo che questa eventualità sia mai stata realmente considerata. Ma è anche inutile pensarci, perché adesso siamo assolutamente soddisfatti della coppia di piloti formata da Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel”.  Nel frattempo, mentre la Mercedes corre ai ripari per cercare di rispondere al più presto all’avvicinamento della Ferrari e riprendersi il ruolo di leader della categoria, a Maranello è arrivato un altro rinforzo per il comparto tecnico. Si tratta di Inaki Rueda, ingegnere spagnolo ex Lotus, che si occuperà delle strategie della Rossa già a partire dal Gran Premio di Cina. Un altro pezzetto di quello che fu il “dream team” di Enstone, dove proprio Raikkonen fece di nuovo innamorare i suoi fans e gli appassionati di F1 nel biennio 2012 – 2013. Speriamo che anche questo sia di buon auspicio per la rinascita di Kimi.

Da Formulapassion.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...