A proposito di Kimi

GP Cina, il commento di Turrini–12/04/2015

Date a Kimi quello che è di Kimi

Date a Kimi quello che è d Kimi.

Quando ero ragazzo, Diego Armando Maradona venne a giocare in Italia.

Un collega, dopo averlo visto la prima volta con la maglia del Napoli, scrisse una frase che suonava più o meno così: un dribbling del Pibe vale da solo il costo del biglietto.

Ora, io mi guardo bene dal proclamare che Raikkonen è il Maradona della Formula Uno: ho il senso della misura. Però, il primo giro del biondino a Shanghai valeva da solo, appunto, il prezzo del biglietto. Il rabbioso doppio sorpasso sulla Williams era un po’ un modo di rispondere: a se stesso, dopo l’incertezza del sabato.

Quando dico che Kimi deve daredi più in qualifica, affermo una ovvietà. Perché in gara, persino nel mare di disastri di un campionato fa, chi voleva capire poteva comprendere che il talento non era andato via, abitava ancora nella testa e nei piedi del Santo Bevitore.

Beninteso, Vettel è arrivato terzo e io ne sono molto contento. La cosa fondamentale è che in Ferrari abbiamo due grandi piloti. Due.

[…]

Da blog.quotidiano.net/turrini/


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...