A proposito di Kimi

Curiosità-News

4 chances per sperare–16/10/2017


Kimi Raikkonen: Ferrari can still win any of 2017’s last four GPs

Kimi Raikkonen believes Ferrari can win any of the 2017 Formula 1 season’s remaining four grands prix if it can eliminate mistakes and get on top of its reliability problems.

Ferrari’s championship aspirations have imploded in the last three races, with the team now trailing Mercedes by 145 points while Sebastian Vettel is 59 behind Lewis Hamilton with 100 remaining.

Vettel and Raikkonen were wiped out on the first lap in Singapore, and both were hampered by engine problems at different stages of the Malaysian GP weekend.

Then in Japan, Vettel retired early on with a spark plug failure, while Raikkonen could only finish fifth following a grid penalty prompted by damage from a practice crash.

Asked which of the final four races – United States, Mexico, Brazil and Abu Dhabi – offered Ferrari the best chance of victory, Raikkonen said: "Any of them, as long as we do everything as well as possible.

"It’s a bit unknown, the tracks are different from each other.

"So we go every weekend, start from zero and do the best that we can and avoid the issues and mistakes."

Ferrari had a car capable of taking a one-two in Singapore and arguably Malaysia too, while in Japan it looked capable of pushing Mercedes before it hit trouble.

But the engine problems, driver error and misfortune has contributed to Ferrari scoring just 22 points in those three races compared to 105 for Mercedes.

"I don’t know what is going to happen – nobody knows," said Raikkonen regarding Ferrari’s chances in the constructors’ championship.

"But I know we are going to push until the last lap in the last race and see where we end up.

"It hasn’t been the greatest races lately but I think we have the speed when they put things in the right place – that is at least something positive."

Da Autosport.com


Compagni di squadra–16/10/2017


Vettel: Raikkonen’s lack of politics makes him best team-mate

Sebastian Vettel says Kimi Raikkonen is the best team-mate he has ever had in Formula 1 because the Finn does not try to play political games.

Vettel has not always got on well with team-mates, having famously clashed several times with Mark Webber at Red Bull.

He and Raikkonen collided at the start of the Singapore GP earlier this season, but only because the German moved across to defend from Max Verstappen.

The four-time world champion has formed a strong working relationship with Raikkonen during their three years together at Maranello, where he has comfortably asserted himself as the lead driver.

They will remain team-mates for at least next season, with Vettel signing a new deal through to 2020 and Raikkonen extending his stay at Ferrari to the end of 2018.

Asked by Autosport in an exclusive interview what sort of team-mate he prefers, Vettel said: "It’s not your decision – and I don’t think it should be. So I don’t mind.

"Obviously it makes it a lot easier if you have somebody who you are working with that you feel the respect.

"You know, many times people tend to make things much more complicated than they are, especially in Formula 1, so it’s good if you can work with somebody where there are no politics or no confusions or anything.

"In this regard Kimi is probably the best team-mate that I had. He is pretty straightforward, but I also got along well with Daniel [Ricciardo].

"Then with Mark [Webber], obviously at times we had our differences.

"Also I have to say we were different generations, so we probably from the start were not that close, but that is how it is."

Having relished his switch to Ferrari since joining at the start of 2015, Vettel says that satisfaction for him these goes beyond pure results.

"I am very happy and honoured to race for Ferrari," he said. "But I want to win. Do I measure happiness in success? Probably not.

"But what makes me happy is if I can get out of the car and say that I’ve done everything I could and I’m happy with my own performance

"I think it makes me extremely happy to see that, to have the team behind me, to see that we are all together as one team.

"And apart from the racing side, obviously all the challenges that I have at home."

Da Autosport.com


Insoliti fan–09/10/2017


Villeneuve: “Mai visto un Raikkonen così forte nella sua carriera”

Sempre eccentrico nelle sue dichiarazioni, Jacques Villeneuve è tornato alla carica: in questo caso, però, non si tratta di attacchi spietati o sparate a zero, tutt’altro. L’ex campione del mondo canadese ha riservato parole di conforto a Kimi Raikkonen, protagonista in Ferrari dell’ennesima stagione altalenante. Analizzando le performance del finlandese, Villeneuve ha puntato il dito contro la malasorte: “Kimi ha avuto un po’ di sfortuna, ma a volte è stato più veloce di Vettel. In qualche modo poi le cose non vanno, fa una buona qualifica ma una gara negativa, o viceversa. Comunque, ha dimostrato che può essere veloce come Vettel: sono una combinazione di piloti perfetta”.

Villeneuve, infine, ha lodato la “versione 2017” di Raikkonen, a sua detta la migliore di sempre: “Non credo di aver mai visto un Kimi migliore. Non l’ho mai visto guidare meglio di così nella sua carriera”.

Da F1Grandprix.com


Ancora in corsa–21/09/2017


Kimi Raikkonen hits out at Ferrari F1 2017 title chance sceptics

Kimi Raikkonen believes it is wrong to assume Ferrari will struggle against Formula 1 championship rival Mercedes in the upcoming grands prix.

Ferrari had been expected to achieve a strong result in Singapore last weekend as the tight and twisty street Marina Bay circuit suited its car.

But polesitter Sebastian Vettel, his Ferrari team-mate Raikkonen and Max Verstappen collided on the run to Turn 1, taking all three out of the race.

Lewis Hamilton won the race with Mercedes team-mate Valtteri Bottas third, allowing Hamilton to extend his lead over Vettel to 28 points while Mercedes moved 102 clear of Ferrari.

The upcoming races in Malaysia and Japan are expected to suit Mercedes, but Raikkonen believes Ferrari can be in the mix.

"You [the media] assume that it’s difficult. We don’t," he said.

"We go there, it’s another race, another weekend, and we go there full of fight and we’ll do our best."

Vettel was still optimistic about his and Ferrari’s chances, as the championship enters its final six races.

"It’s a pity we couldn’t show our pace [in Singapore]; but we have other races ahead of us and I am sure there will be more opportunities for us," he said.

Ferrari team principal Maurizio Arrivabene insisted Ferrari "will be back".

"That was very disappointing and it was definitely not the result we were expecting," said Arrivabene.

"But it doesn’t mean that the battle is all over, just that it has become more difficult.

"We proved that we have an excellent car and two great drivers.

"We guarantee that we will be fighting right to the final corner of the very last grand prix of the year."

Hamilton denies Mercedes favourite everywhere now

Hamilton is expecting a close battle in the deciding races, and is adamant there are still tracks where Mercedes will not be favourite.

Though he said his team "should be OK" in the next event at Sepang and that "we’ll be fine" at Austin in October, he reckons at least three other tracks are more open.

"Then we have Japan, high downforce circuit; could be close, Red Bulls are very very strong at that circuit," said Hamilton.

"It won’t definitely be our strongest circuit.

"I think Brazil would be a place where these guys [Red Bull] will be particularly strong and Ferrari will be particularly strong.

"Honestly, I think it’s going to be very close in the next races.

"It’s hard to predict, [Brazil] particularly and maybe when you go to Mexico.

"You’ve put your maximum downforce on but because it’s so high there’s little drag and maybe the cars that have a little bit more downforce might just have the edge on us.

"But it’s all hearsay."

Da Autosport.com


Un tifoso speciale–30/08/2017


Famiglia e vittorie, Alesi jr: Giuliano, ferrarista nel nome del padre

A 17 anni il figlio di Jean è nel vivaio di Maranello: «Anche Raikkonen fa il tifo per me. Ma quando i risultati non arrivavano volevo smettere. Papà mi ha fatto cambiare idea»

Tre vittorie di fila, rimonte, sorpassi e docce sul podio. Papà Jean trattiene il fiato, agita le braccia e le coppe, ogni week end è un terremoto del cuore, il figlio Giuliano sta crescendo bene e in fretta nella Gp3, una delle categorie propedeutiche alla Formula 1. «Studia» nelle giovanili della Ferrari: diciassette anni, poliglotta, ama il giardinaggio e vuole ripercorrere le orme del genitore, che è stato, e rimane, uno dei piloti del Cavallino più amati (vi ha corso dal 1991 al 1995).

Monza è una tappa speciale per chiunque, figurarsi per gli Alesi, orgogliosissimi delle loro origini italiane. Ogni estate tornano in Sicilia, nel trapanese, da dove i nonni sono partiti per la Francia: «A Monza l’accoglienza è calorosissima anche per chi non è un campione e non guida una F1, non vedo l’ora di scendere in pista» racconta Giuliano. Dal «battesimo» nella F4 francese a un campionato di rilevanza mondiale, l’inizio l’anno scorso è stato in salita, ma poi è scattata la molla: «Ho fatto un grande salto, ora ho più confidenza con la macchina». Dietro ai successi ci sono la consapevolezza e il lavoro all’Academy di Maranello diretta da Massimo Rivola: «Mi ha aiutato a migliorare in tutto: dalla guida, alle sessioni al simulatore, all’allenamento fisico: è una palestra di sport e di vita. Devo ringraziare Maurizio Arrivabene che ha creduto in me quando era difficile farlo, ha avuto pazienza e fiducia».

La gavetta è ancora lunga, la concorrenza tanta, le scuderie allevano «baby» piloti a raffica, e in F1 spesso più del talento contano gli sponsor; questo Giuliano lo sa: «Ma il mio sogno non cambia: voglio guidare la Rossa. Nello stesso tempo però devo rimanere concentrato, pensare a fare bene in tutte le gare e non farmi distrarre: quando inizi a ragionare su altro cominci a commettere degli errori che poi paghi». È la filosofia dei piedi per terra, tanto cara al team principal della Ferrari.

Sostiene Jean che più di tanto non può aiutare Giuliano perché «le macchine di oggi sono completamente cambiate: all’epoca mia non esistevano gli iPhone, la tecnologia viaggia talmente veloce che è impossibile starvi dietro, anche nelle corse». Ma certe dritte non hanno età: «Papà mi dà un sacco di consigli su come affrontare le gare, su come superare le difficoltà: quando non arrivavano i risultati mi chiedevo se non fosse il caso di smettere. E invece lui era sempre lì a spronarmi: “Non mollare”. Poi mi suggerisce come comportarmi davanti alle telecamere, però, è vero, gli riesce difficile spiegare qualcosa su un mezzo che non ha mai guidato».

Un cognome famoso può essere un peso (per Rosberg lo è stato), non per lui: «Mi fa sentire più leggero: tantissime persone parlano di me anche per i ricordi che hanno di Jean». Serate sul divano a riguardare le gare del passato, il legame familiare è fortissimo: «Il mio idolo in F1 resta lui». Fra i tifosi di Giuliano, uno lo segue con attenzione particolare, Raikkonen, l’ultimo campione del mondo in rosso: «Kimi è una persona completamente diversa da quello che sembra. È informato su tutto, ogni volta che vado bene mi arrivano i suoi complimenti. Ed è veramente un onore».

Da Corriere.it


Il rinnovo di Kimi e il commento di Turrini


Kimi, the Last jedi of Spa, resta in Ferrari

Kimi resta per un altro anno in Ferrari.

Lo sapevo e sono molto contento e del resto essendo questa la settimana delle Ardenne la ciliegia plana sulla torta. The Last Jedi of Spa stays with us.

Da Blog.quotidiano.net


#Kimi for 2019

Bene, bene.

Voglio mettermi avanti con il lavoro.

Sono tre estati di fila (2015, 2016, 2017) che un bel giorno arriva la notizia che my brother Kimi è stato confermato in Ferrari.

E io, lo ammetto spudoratamente, mi specchio gongolante nella delusione dei membri del PAR, il mitico Partito Anti Raikkonen.

Ebbene, basta.

Non mi piace vincere facile (tra parentesi, a beneficio di alcuni amici: quando io scrivo ‘lo sapevo’, non aggiungendo tali parole nulla alla mia già scadente immagine professionale, intendo semplicemente esprimere l’ovvio. Il Santo Bevitore aveva da tempo pubblicamente sostenuto che per lui non c’erano problemi, ovviamente spettando alla Ferrari l’ultima parola. Poiché Marchionne e Arrivabene di solito ascoltano opinioni ben motivate, sapevo di potermi fidare della loro decisione. Poi, non è colpa mia se SM e MAB la pensano come me medesimo, in materia. Chiudo parentesi), ripeto che non mi piace vincere facile e quindi stavolta si gioca d’anticipo.

#Kimi for 2019.

Chi ci sta si firma sotto, tanto per divertirci un poco.

Si accettano adesioni anche da parte dei membri del PAR, alla maniera di noi interisti quando sfacciatamente ci proclamiamo certi che la Juventus conquisterà la prossima Champions.

Dai, che Spa è dietro l’angolo.

Da Blog.quotidiano.net


Alesi: “Raikkonen conferma positiva”

Per Jean Alesi, la decisione della Ferrari di confermare Kimi Raikkonen anche per la prossima stagione è volta a mantenere l’armonia all’interno della squadra: “Fra lui e Vettel nessuno è geloso dell’altro”.

Martedì la Ferrari, con un breve comunicato, ha confermato Kimi Raikkonen anche per la prossima stagione: una mossa che molti hanno letto come un’anticipazione della firma del rinnovo di Sebastian Vettel, che tanto aveva spinto per tenere Kimi come compagno di squadra.

Uno scenario che è quello con il quale concorda anche l’ex-ferrarista Jean Alesi. “Lo credo anch’io: del resto, una casa si costruisce dalle fondamenta” – ha dichiarato Alesi sulle colonne della Gazzetta dello Sport – “Al di là delle future decisioni di Maranello, se anche ci dovesse essere un pilota diverso da Vettel in Ferrari nel 2018, con Kimi non avrà problemi”.

Per Alesi, Raikkonen è un pilota amato dai tifosi della Ferrari e la sua conferma è positiva per il clima interno alla squadra: “Lui è un pilota molto amato dai ferraristi. Parliamo di un ragazzo che piace e rappresenta un vero punto di riferimento per tutto l’ambiente della rossa”, ha aggiunto. “Dalla stagione passata a quest’anno, la Ferrari ha fatto passi da gigante. Ora è un’auto vincente su quasi tutti i circuiti: e poi, lo spirito di squadra che si è venuto a creare grazie al lavoro di Maurizio Arrivabene e del presidente Sergio Marchionne è stato davvero notevole. La decisione di riconfermare Kimi consolida questa atmosfera, visto che fra lui e Vettel nessuno è geloso dell’altro”.

Da FormulaPassion.it


Rinnovo a Raikkonen, “premio fedeltà”

Il finlandese Kimi Raikkonen è stato ufficializzato ad inizio settimana quale pilota Ferrari in Formula 1 anche per la stagione 2018. L’ex campione del mondo 2007, l’ultimo pilota iridato con una vettura del Cavallino, ha beneficiato di un rinnovo che molti vedono come un preludio alla proroga del contratto di Sebastian Vettel.

Il tedesco non ha fatto mistero di gradire il finlandese al suo fianco nel team per il futuro. Considerato da molti il ‘numero 1 di fatto’ del team modenese, il tedesco avrebbe fatto leva sul rinnovo del compagno.

Sull’estensione del contratto di Raikkonen si è espresso il manager del finlandese, Steve Robertson, che ha dichiarato alla testata scandinava Turun Sanomat: “L’estensione del contratto dimostra come la Ferrari abbia voluto premiare l’enorme esperienza e competenza di Kimi, la lealtà nei confronti del team e l’armonia creatasi in squadra. Kimi ha giocato per anni il ruolo dell’uomo-squadra ed è sempre stato fedele alla Ferrari.“

Da FormulaPassion.it


Un altro anno ancora–22/08/2017


Ferrari keeps Kimi Raikkonen for 2018 Formula 1 season

Kimi Raikkonen will remain at Ferrari for the 2018 Formula 1 season, the Italian team has confirmed.

The 2007 world champion’s contract with the Maranello outfit had been due to run out at the end of this year.

There had been speculation about whether or not he would continue but in a short statement, Ferrari announced on Tuesday, in the week building up to the Belgian Grand Prix, that Raikkonen would remain on board for 2018.

Raikkonen’s deal will likely pave the way for Ferrari to conclude a new longer deal with Sebastian Vettel, whose current contract runs until the end of 2017.

F1’s new faster and more challenging cars this year have better played to Raikkonen’s driving style and he has been able to deliver some strong performances, including pole position for the Monaco Grand Prix, his first in F1 since 2008.

But while team-mate Vettel is top of the championship with 202 points and four wins, Raikkonen is in a winless fifth, 86 points behind.

There have also been questions about his overall commitment and effort, with Ferrari president Sergio Marchionne labelling him a‘laggard’ ahead of the Austrian GP.

Speaking about the potential for a future deal with Raikkonen at the time, Marchionne had said: "I think Kimi has got to show a higher level of commitment to the process.

"There are days when I think he’s a bit of a laggard, but we’ll see."

Before the summer break, however, Raikkonen appeared to have got back in favour and Marchionne was open that Ferrari was likely to retain both drivers for 2018.

"I think I have been public on the Sebastian issue, if he wants to stay he is more than welcome to stay," he said.

"And in the case of Kimi, we know he wants to stay.

"Hopefully we will bring them on soon."

Vettel was known to be keen for Raikkonen to stay, and there had even been suggestions that the German made it a condition that the Finn remain at Ferrari for now if he was to contemplate the long-term deal that his bosses want him to sign.

Ferrari had originally intended for its driver announcements to take place at the Italian GP, but may have chosen to confirm matters early in a bid to stop speculation about the future being a distraction from its world championship efforts.

Raikkonen is in his second spell at Ferrari, after the first stint – one that secured him his world championship title in 2007 – ended early in 2009.

He rejoined the outfit in 2014, but his most recent F1 victory remains his 2013 Australian GP triumph for Lotus.

Da Autosport.com