A proposito di Kimi

Articoli con tag “2008

Spa-Fracorchamps e Kimi, i commenti di Turrini


Da http://club.quotidiano.net/turrini/frammenti_di_spa

[…] 4) KIMI 09. Ora, facciamo così. Prendete l’elenco dei vincitori in Belgio, negli anni Zero del nuovo millennio. Togliete il Massa del 2008 per carità di patria. Beh, chi ci trovate nella lista? C’è da stupirsi? Ma no, dai, siamo tra noi, possiamo evitare di prenderci per i fondelli. E comunque il Raikkonen del 2009, già sfrattato per esigenze di cassa, ha fatto qualcosa di clamoroso. Ci vogliono le palle, in certe situazioni. Memorabile anche il rifiuto di abbracciare il Dom, sul palco. Come dire: oh, insomma, ma le tue smancerie riservale per un altro, magari per quello che ti farà vincere a Spa nel 2011…


Da http://club.quotidiano.net/turrini/frammenti_di_spa_2

Completo la raccolta dei frammenti di Spa collezionando gli ultimi tasselli del mosaico della memoria. Anche qui, scusandomi se si tratta di argomenti che ho già affrontato. E’ l’età, abbiate pazienza.

LA GRIGLIA. Se dovessi indicare l’ideale schieramento di partenza di un Gp del Belgio disputato da tutti i piloti che ho visto all’opera sulle Ardenne, dal 1989 in poi, beh, io metterei il Vecchio Zio in pole, con Senna al suo fianco.

In seconda fila il biondino di Finlandia e Alain Prost.

In terza Mansell e Hamilton.

In quarta Hakkinen e Damon Hill.

Penso che ne verrebbe fuori una gara della Madonna e se nel sogno tutti disponessero della stessa identica monoposto e se sul circuito un po’ piovesse e un po’ no, mah, sapete una cosa?

Non escluderei una vittoria di Raikkonen.

[…]

IL DUELLO. A volte, anzi quasi sempre, la storia la scrivono i vincitori, dunque il finale convulso del 2008 andrebbe letto alla voce ‘Massa’, secondo albo d’oro, visto che Kimi si schiantò contro una barriera e il Nero rimediò una penalizzazione. Ma a me piace la storia scritta dai perdenti e allora dico che il duello tra Raikkonen e Hamilton fu una pagina bellissima di automobilismo ‘d’epoca’, un ritaglio di nobiltà in un contesto che di nobile ormai non aveva più niente. Credo sommessamente che quella domenica del 2008 fu chiaro, a chi voleva comprendere, l’identikit dei migliori piloti su piazza. Il resto non interessa (e infatti non interessava a chi comanda, visti gli sviluppi).

[…]


FIA Gala 2008 – 12/12/2008


F1 Stars Cap Memorable Season

Foto: Fia Gala 2008 Caps

Video: http://www.mediafire.com/?zwamqmoq2t2

[…] His teammate Kimi Raikkonen was unable to retain the title he won last year but vowed to return stronger next season.
Kimi Raikkonen said: “I would have preferred to be here collecting the World Champion’s trophy for a second consecutive time, but this year, things did not go my way. The season got off to a good start, but then, for various reasons, the situation got complicated and by the time we were back on form, it was already too late.
“However, we learnt some valuable lessons which will come in useful next year. I am happy that Ferrari won, confirming its position as world champion: it’s an exceptional team that never gives up.”
Massa and Raikkonen ensured that Ferrari took the Constructors’ Trophy for the second successive season and Stefano Domenicali was delighted to collect the prize in his first year as team director. […]

Da Fia.com


Intervista per Top Gear magazine – 17/11/2008


How old were you when you first became interested in cars / speed / racing?
Right from when I was very little, I was interested in anything that had an engine. If I had not become a driver, I would certainly have been a mechanic.

Growing up, which drivers do you remember watching and who were you impressed by?
I never had a hero or an idol. My friends tell me I should have raced in the Seventies when maybe Formula 1 was less formal and I would definitely liked to have known James Hunt.

When did you think you might become pretty good yourself and why?
That’s not for me to say. I always wanted to be a racing driver and I gave it everything I had to do that. From then on, it’s my results that speak for me.

Wouldn’t it make sense if all testing was banned? More time for snowmobiling, less expensive for the teams and still the same for everybody!
No, I’d be asked to spend more time on the simulator! But joking aside, I think the current situation is pretty well balanced. We don’t test as much as we used to a few years back and we work more efficiently.

But that’s unlikely, so what do you find most useful about testing, personally?
I just love driving a Formula 1 car, which means I even like testing.

While you’re testing and racing, how aware are you of the part you play in helping develop new technologies, like Shell V-Power, for example?
In a sport as finely honed as Formula 1, where the difference between first and last is measured in tenths of a second, you have to push to the limits in terms of car development, in all areas. As far as the engine is concerned, we are currently in a particularly special stage, where development on certain components is frozen for a few years. This means we can have a fuel or an engine oil that gives us a few horsepower more, a gearbox oil that improves lubrication and makes such an important component more reliable and that is a really vital point.

What was your most satisfying Grand Prix win ever?
Hard to say as all the wins are great. Of course, the first one and the one in Interlagos last year which meant I was world champion will always stay with me.

What were your main reasons for joining Ferrari from McLaren?
Simply a desire to change after so many years with the same team. I felt comfortable at McLaren, just as I feel comfortable at Ferrari. The two teams are different because of their different character, but both share a common desire to get the very best results.

Is Ferrari just another team for you or does the immense history and list of its previous great drivers ever cross your mind? Does Ferrari feel different in this way?
There is definitely a special atmosphere at Maranello and you can feel the special appeal of a marque that is part of racing history. It’s nice and I’m proud to be part of this history.

Many fans don’t understand how much the driver does during a race. Can you talk us through some of the things you have to do while racing – brake adjustments, driving around problems etc…
That’s true, from the outside it is difficult to understand all the details of what happens on track. First and foremost there is so much work that one does along with the engineers when the car is in the garage: defining the set up, the day’s work programme, strategies. Then, when you are sitting in the cockpit, there are so many parameters you can control: the brake balance, some engine and electrical parameters, the gearbox. Then there are unexpected situations such as the arrival of the safety car and specific moments that require you to go through complex programmes such as the start. This year, with the introduction of a standard electronic control unit, there are slightly less things to do, but next year, new parameters will come into play, such as the electronic control of the flap on the front wing and the boost switches linked to the energy accumulated through the KERS system.

What makes a great driver, in your view?
In the end what matters are the result, but one has to take into account that in the current Formula 1, the car remains the dominant factor. Without a competitive car, you can’t win, no matter how talented you are.

What’s the best thing about your job?
Driving and racing to win – there’s nothing else.

And the worst?
Speaking in public?? Honestly, it’s not a strong point of mine, but I know it’s part of my job and I have to accept it as such.

 


Pensieri di fine stagione – 14/11/2008


Räikkönen a tv finlandese: 2008 senza stimoli

Mancanza di motivazioni. Kimi Raikkonen confessa che quest’anno, a un certo punto del Mondiale, non ha più avuto gli stimoli necessari per lottare e puntare sempre alla vittoria. In un’intervista rilasciata alla tv finlandese Mtv3 e rilanciata dal sito del quotidiano brasiliano Terra, il pilota della Ferrari parla della sua stagione, chiusa al terzo posto della classifica piloti alle spalle di Lewis Hamilton e Felipe Massa. "Se sai che puoi lottare solo per il terzo posto, è difficile mantenere la stessa velocità per tutta la gara, se non hai chance di migliorare la tua posizione, alla fine tutto diventa meno interessante", le parole di Raikkonen nell’intervista televisiva. Il ferrarista, campione del mondo nel 2007, quest’anno ha vinto in Malesia e in Spagna. (AGI)

Da Repubblica.it


Festa Ferrari al Mugello – 09/11/2008


Ferrari, Montezemolo scherza su ‘sosia’ Räikkönen
SCARPERIA – Le Finali mondiali Ferrari sono stata l’occasione per un divertente siparietto tra il presidente del Cavallino Luca di Montezemolo e l’ex campione del mondo Kimi Raikkonen: "Sei proprio tu, il Kimi vero, quello in carne ed ossa? – ha chiesto il patron della scuderia di Maranello al finlandese – oppure il sosia, quello che negli ultimi gran premi correva per la Ferrari? Perché’ secondo me, Kimi, eri un po’ stanco e hai fatto correre un amico per un po’ ". Poi Montezemolo è tornato più serio: "Non scherziamo, Kimi ha contribuito a due mondiali costruttori. I suoi punti sono stati fondamentali. Con tutto il rispetto per Lewis Hamilton – ha concluso – sono contento dei miei piloti, la coppia migliore del mondo". (Agr)


Schumacher elogia Massa e difende Räikkönen
SCARPERIA (Firenze) – Nonostante il titolo iridato sfuggito all’ultima curva, Michael Schumacher fa i suoi complimenti a Felipe Massa: "E’ stato bravo, ha fatto una grandissima stagione – ha detto il tedesco -. Ha dimostrato di essere forte in qualifica e in gara. Dispiace che abbia perso per un punto, però siamo orgogliosi del titolo costruttori". Parole di incoraggiamento anche per Kimi Raikkonen, reduce da un’annata deludente: "La F.1. non è facile come voi pensate. E’ sempre più impegnativa, noi siamo molto motivati e lo sono anche i nostri piloti". Poi una battuta sul suo futuro: "Non sono fatto per stare in ufficio. Sono alla Ferrari, lavoro per le macchine su strada e sto con la famiglia. Poi mi dedico alle moto". (Agr)
 
Da Gazzetta.it
 
– Ferrari Challenge, finale al Mugello: http://www.mediafire.com/?y2ogy0jzmfv
– Ferrari Day Mugello, la squadra in parata: http://www.mediafire.com/?ngznztdlqgm oppure http://www.megaupload.com/?d=6XT4J3E3
 

  

 


Casa dolce casa… – 04/11/2008


Ferrari in discoteca fino all’alba ma Räikkönen ha piantato tutti
SAN PAOLO – Musica e drink fino all’alba di lu­nedì nella discoteca “Disco” per la Ferrari. Chia­miamola festa perché si è sbevazzato, anche un po’ brindando al Mondiale costruttori. Ma è sta­ta una mezza festa, senza discorsi e con poco buon umore. C’era la linea di comando della Fer­rari, c’erano tecnici e meccanici, c’era Felipe Massa con la moglie e la famiglia e c’era pure Rubens Barrichello, rimasto buon amico. Non c’era Kimi Raikkonen. Il finlandese aveva preno­tato da tempo un volo immediato per Zurigo, ma è significativo come sia stato l’unico assente ec­cellente in uno dei momenti che Maranello ritie­ne fondamentali per creare il collante, per «fare squadra» , che è uno degli slogan di Montezemo­lo.
Ieri sera anche la McLaren ha festeggiato il trionfo in una discoteca di San Paolo. Hamilton, giunto verso la mezzanotte, era in compagnia della sua fidanzata e di alcuni membri del team, tra cui Heikki Kovalainen, il collaudatore Pedro de la Rosa e Ron Dennis.

Dal Corriere dello Sport del 04/11/2008


GP Brasile, commenti post gara – 02/11/2008


La Ferrari vince il Titolo Mondiale Costruttori per la 16ma volta

F. Massa: 1° 1:34.11.435 – 71 giri telaio 269
K. Raikkonen: 3° 1:34.27.670 + 16.235 71 giri telaio 271
Meteo: temperatura aria 25/26 °C, temperatura asfalto 26 °C, cielo coperto, pioggia all’inizio e alla fine della gara.

Felipe Massa ha vinto il Gran Premio del Brasile e Kimi Raikkonen si è classificato al terzo posto. Grazie a questo risultato la Scuderia Ferrari Marlboro ha vinto per la sedicesima volta nella sua storia il Campionato Costruttori, l’ottava negli ultimi dieci anni. Felipe ha ottenuto l’undicesima vittoria in 106 gare disputate, la seconda nella sua gara di casa. Per la Ferrari questo è il successo numero 209 in 776 Gran Premi, il decimo in questa gara. I due ferraristi si sono piazzati al secondo e al terzo posto nel Campionato Piloti, con il brasiliano che ha visto sfuggirgli il titolo per un punto.

Stefano Domenicali: "Oggi è stata una giornata incredibile e siamo contenti di quello che abbiamo fatto. Otto su dieci: era l’obiettivo che il Presidente Montezemolo ci aveva dato all’inizio della stagione e lo abbiamo raggiunto, al termine di un campionato difficile e complicato, ricco di colpi di scena. Tutta la squadra – chi è in pista e chi a casa lavora sempre con grandissima intensità – merita i complimenti per quello che ha fatto. Certo, il rammarico per non aver visto Felipe coronare il suo sogno c’è, soprattutto per come si è svolta la gara, ma credo che giornate come queste siano comunque importanti. Felipe è cresciuto tantissimo, anno dopo anno, dimostrando talento e personalità, rispondendo con il pedale e con la testa a quanti lo criticavano. Ha fatto una stagione straordinaria e si meritava il titolo. Lo sport è così, a volte crudele: l’anno scorso abbiamo vinto il titolo Piloti per un punto, stavolta è accaduto il contrario. Voglio fare i complimenti ad Hamilton,il nuovo campione del mondo. Voglio concludere ringraziando innanzitutto il Presidente Montezemolo, che ci è sempre stato vicino, soprattutto nei momenti più difficili. Poi i nostri partner tecnici e commerciali e, ovviamente, il Gruppo FIAT, di cui siamo orgogliosi di essere parte."

Felipe Massa: "E’ stata una giornata emozionante. Abbiamo fatto tutto alla perfezione ed eravamo quasi riusciti a farcela. Poi, quando già avevo tagliato il traguardo, Rob mi ha detto che Hamilton era quinto e che quindi ili titolo andava a lui per un punto. Lo sport è fatto di queste cose e dobbiamo accettarlo. Complimenti a Lewis: chi fa più punti si merita il titolo. Sono molto orgoglioso di tutta la squadra e di quanti mi hanno dato il loro supporto durante questa fantastica stagione. Oggi dobbiamo essere felici per quello che abbiamo fatto: abbiamo portato a casa il titolo Costruttori e so quanto sia importante per la squadra. E’ stata una stagione fatta di alti e bassi e abbiamo imparato tanto, dalle cose buone e dai nostri errori. Lascio Interlagos a testa alta perché ho vinto ancora una volta davanti al mio pubblico e perché questo è un giorno che resta indimenticabile. Ora voglio fare festa con la mia famiglia, i miei amici e la mia squadra: ce lo meritiamo!"

Kimi Raikkonen: "Sono contento per la squadra, che è riuscita a vincere il titolo Costruttori, e mi dispiace per Felipe, che ha perso il titolo per un solo punto. Queste sono le corse e dobbiamo farcene una ragione. Mi fa particolarmente piacere per Stefano, al suo primo anno come team principal: so quanta pressione deve sopportare e penso che questo risultato comunque lo ripaghi. La mia corsa non è stata particolarmente emozionante. All’inizio la pista era bagnata soprattutto nelle prime tre curve, dove facevo molta attenzione a non fare errori. Poi il primo treno di gomme da asciutto mi dava molto sottosterzo e facevo fatica a stare al passo dei primi. Con il secondo le cose sono via via migliorate e sono riuscito a rifarmi sotto ad Alonso. Quando poi siamo passati alle gomme da bagnato sono arrivato vicinissimo a lui ma la squadra mi ha detto di evitare qualsiasi rischio perché Felipe poteva avere una chance di vincere e allora ho rinunciato ad attaccare. Finisce una stagione non positiva per me ma farò di tutto per rifarmi il prossimo anno."

Luca Baldisserri: "L’anno scorso abbiamo vinto entrambi i titoli all’ultima gara, quest’anno ne abbiamo perso uno a pochi metri dalla conclusione. Abbiamo fatto una gara perfetta, senza commettere il minimo errore pur in condizioni difficili, con la pioggia protagonista all’inizio e alla fine. Aver vinto ancora una volta il titolo Costruttori rappresenta comunque un grande risultato, che conferma che questa squadra, considerati anche tutti i cambiamenti succedutisi negli ultimi due anni, resta la migliore. Voglio fare i complimenti a Felipe, autore dell’ennesima gara straordinaria: ha fatto una stagione fantastica, come pilota e come persona."



Conferenza stampa

Q. Kimi, talk us through the race from your point of view.

Kimi RAIKKONEN: I knew what I was supposed to do and it wasn’t the best race ever. The car was quite difficult, I don’t know why. The tyres felt quite tricky, especially the front tyres on the first set. The second set was a bit difficult at the beginning. It started to be a bit better in the end and I was catching up Fernando but then came the rain and I was right behind him and I got some instruction not to risk anything for Felipe and I decided to stay in third place.

For us we won at least the team championship. It was unlucky for Felipe but that was one of our aims. I mean we got that at least and it was what we wanted and we could do it. It was not the easiest year for the team and for both of us but we got good results for the team and we must be happy. It was Stefano’s (Domenicali) first year as team boss and it has not been easy all the way through, so I am very happy for him.

Q. Kimi, obviously you were catching hard at the end, was it that the tyres really came to you? Was it a struggle early on?

KR: The first set, especially, was quite difficult. The car didn’t want to turn but it was slightly better at the beginning of the second one, the second set of dry tyres, and then it got better all the time, so I was able to catch up. As Fernando said, when the rain came and I got close to him, they told me not to risk anything because if I went off, it would not be good for the team, for Felipe’s situation at that moment. For myself it was no difference and the team would have won the championship anyhow, so we just came home third.

Q. What were the conditions like out there?

KR: Of course, it was wet at the start but the grip was not too bad, actually. It was trickier on dry tyres when there were some wet patches and I took it very easily at those places. My only mission was to get points for the team. Not the nicest race in the end but we got what we wanted, so that was the most important thing.

Q. (Heikki Kulta – Turun Sanomat) Kimi, you just lost your championship title to Hamilton. How do you feel about that?

KR: You can always lose some points. OK, I lost it this year, so well done to him, he deserves it in the end. He got the most points from this year, so I don’t feel bad. Of course, my season was not what I wanted in the end but that’s racing. Sometimes you have bad moments during the season and it cost too many points for me this year but I will try to come back next year and it’s a completely different story again. I won it once and for sure I want to win it more times but this year didn’t happen and we will come back stronger next year and try to get it back.

Da Autosport.com