A proposito di Kimi

Articoli con tag “RedBull

Test Pirelli a Le Castellet–25/01/2016


Pirelli F1 wet tyre test: Daniel Ricciardo sets pace for Red Bull

Red Bull’s Daniel Ricciardo set the quickest time on the first Formula 1 test day of the 2016 season as Pirelli tested wet tyres at Paul Ricard.

He was the fastest of the three 2015-spec cars taking part in the two-day session at the sometime French Grand Prix venue.

McLaren test driver Stoffel Vandoorne was 0.4 seconds behind and second quickest ahead of Kimi Raikkonen’s Ferrari at a cool and overcast Ricard.

Both Red Bull and Ferrari completed 10 sets of 10-lap runs on a full-wet prototype tyre.

In total 285 laps were covered across the three teams.

McLaren didn’t finish its programme from Pirelli as Vandoorne stopped out on track shortly before the close of play due to an engine problem. His McLaren returned to the pits on the back of a flat-bed truck.

The two-day test has been organised by Pirelli so it can test new full-wet tyres.

The track was artificially soaked by sprinklers and each car left the pits at 10-seconds intervals, circulating for roughly 10 laps before returning to the pits so the track could be soaked again.

Pirelli has been working on a combination of different compounds, different tread depths and configurations, but as the temperature at the south of France venue never rose about 10 degrees centigrade conditions were not ideal.

The second and final day commences at 9.30am local time on Tuesday.

Sebastian Vettel will take over driving duties from Raikkonen at Ferrari, while Daniil Kvyat replaces Ricciardo at Red Bull.

Vandoorne will complete the second day for McLaren.

MONDAY RESULTS:

Pos  Driver             Team      Time       Gap      Laps
 1.  Daniel Ricciardo   Red Bull  1m08.713s           99
 2.  Stoffel Vandoorne  McLaren   1m09.131s  +0.418s  87
 3.  Kimi Raikkonen     Ferrari   1m09.637s  +0.924s  99


15.45 – Bandiera a scacchi, pit-lane chiusa e sessione terminata con un’ora di anticipo rispetto a quanto comunicato inizialmente da Pirelli. Il miglior tempo di giornata va quindi alla Red Bull di Daniel Ricciardo, che ha siglato il crono di 1’08″713 pochi minuti prima delle ore 13.00. Seguono poi nell’ordine Stoffel Vandoorne con la McLaren, 1’09″131, e Kimi Raikkonen con la Ferrari che ha realizzato il suo best lap in 1’09″637. Completati in totale 285 giri. 99 il numero di passaggi completato da Ricciardo e Raikkonen, 87 quelli di Vandoorne, vittima di un guasto tecnico negli ultimi scampoli della sessione.

15.40 – Si è concluso anche il decimo stint, con Ricciardo che ha bloccato i cronometri sull’1’09″764, più lento Raikkonen fermatosi a 1’10″743.

15.36 – Nel frattempo vi mostriamo le foto della McLaren di Vandoorne, gelosamente celata sotto un telo nero al suo rientro ai box sul carro attrezzi. Per il belga un problema tecnico.

15.34 – I tempi realizzati dagli unici due piloti in pista sono lenti perché il tracciato, appena bagnato artificialmente, non consente di migliorare le prestazioni, che si abbasseranno con il passare dei giri. Ricciardo si attesta sul ritmo dell’1’10.

15.22 – Bandiera verde: ne approfitta subito Kimi Raikkonen che rientra in pista con la sua Ferrari.

15.15 – Le gomme che montano la vettura di Ricciardo e quella di Raikkonen immortalate nelle immagini sottostanti sono del tipo “prototipale” ovvero dotate di una nuova tipologia di costruzione rispetto a quelle standard che invece riportano sulla spalla la scritta azzurra Pirelli.

15.11 – Sempre per ingannare il tempo in attesa che la McLaren torni nel suo garage, vi proponiamo qualche scatto direttamente dalla pit-lane e da bordo pista ad opera del nostro inviato al Paul Ricard, Simone Valtieri.

15.05 – Nel frattempo, approfittando della pausa forzata, riepiloghiamo la situazione dei giri percorsi visto che quella dei tempi non ha subito cambiamenti. Ricciardo e Raikkonen sono a 89 passaggi compiuti. Fermo invece a 87 Vandoorne.

15.02 – Prima bandiera rossa della giornata. Ferma lungo la pista la McLaren – Honda di Vandoorne, che non è rientrata ai box.

14.59 – Concluso anche il nono stint, ma senza particolari acuti. Questi i tempi realizzati dai tre piloti in pista: 1’09″366 per Daniel Ricciardo, 1’09″827 per Kimi Raikkonen e 1’10″116 per Stoffel Vandoorne.

14.51 – Dopo la consueta “irrigazione” dell’asfalto è iniziato anche il decimo turno, con Raikkonen che sta girando sul piede dell’1’13, mentre Ricciardo è già sceso sull’1’12″4.

14.50 – La Red Bull ha invece cambiato leggermente la cromatica della sua livrea, con il ritorno della scritta istituzionale sulla fiancata in rosso, mentre sul cofano campeggia quella del partner tecnico Tag Heuer, che fornisce il suo nome per il propulsore Renault. Per vedere la nuova aggregazione di colori bisognerà invece attendere mercoledì 17 febbraio, quando a Londra cadranno i veli sulla livrea 2016 della monoposto di Milton Keynes.

14.46 – Temperatura che sfiora quasi i dieci gradi quando siamo a poco più di due ore dal termine della sessione odierna. Facendo un breve calcolo e sommando i migliori tempi di settore, con Raikkonen che detiene il best nel T1 con 27.181, mentre Ricciardo ha il più veloce nel secondo con 41.152, il miglior tempo ideale di giornata si dovrebbe attestare a 1’08″333.

14.35 – Al termine dell’ottavo turno non hanno invece migliorato né Raikkonen con la Ferrari né Vandoorne con la McLaren. Le velocità massime nel primo settore sono le seguenti: Raikkonen 300 km/h, Ricciardo e Vandoorne 296. Nel secondo settore: Ricciardo 258, Kimi 257 e Vandoorne 254. Ricordiamo che girando sul tracciato corto i settori percorsi sono due.

14.30 – Daniel Ricciardo ha ottenuto il tempo di 1’08″728 in occasione dell’ottavo turno di giri prestabilito, a pochissimo dal best lap odierno e con il miglior crono nel secondo settore.

14.20 – Ricordiamo che per questi test, Pirelli ha imposto delle condizioni standard per quanto riguarda il set-up delle monoposto, che essendo da bagnato prevede una configurazione dedicata. Sull’ala posteriore della Ferrari di Raikkonen è presente un vistoso “gurney flap” montato sul profilo superiore dell’ala posteriore.

14.00 – Tutto pronto per l’ottavo turno della giornata. Gli aggiornamenti tarderanno un attimo perché il nostro Simone Valtieri si è spostato a bordo pista per seguire da vicino il passaggio delle monoposto e portarci qualche notizia fresca ‘dal campo’.

13.55 – Curiosità: ecco come si possono seguire le prove dai monitor presenti in sala stampa al Paul Ricard. Niente super regia televisiva per questi test…

13.45 – Riepiloghiamo intanto il totale dei giri percorsi: 61 per tutti e tre i piloti impegnati, anche se continuano i problemi al transponder di Ricciardo che compare sul monitor con sole 44 tornate completate.

13.40 – Irrigatori in azione per preparare la pista all’ottavo turno della giornata.

13.35 – Scollinata la metà giornata, ecco una nuova gallery dal Paul Ricard:

13.30 – Terminato anche questo turno, senza miglioramenti cronometrici.

13.25 – Spinge di più Ricciardo che arriva fino a 1’09″168, dopo essersi fermato pochi decimi sopra nei due giri precedenti.

13.20 – In pista siamo su tempi ancora superiori all’1’10”, ma c’è da segnalare che Raikkonen ha ritoccato la top speed di giornata, raggiungendo i 300 km/h sul rettilineo dimezzato del Mistral.

13.15 – Intanto arriva in questa mattinata un’altra notizia importante: la nuova Ferrari, nome in codice 667, ha superato i crash test.

13.10 – Si torna in pista per il settimo turno di giornata!

2.56 – Piloti nuovamente ai box, concluso anche il sesto stint di giornata. Nota sulle prestazioni: le monoposto non aprono il DRS sui rettilinei e i piloti si mantengono anche a distanza di sicurezza dai cordoli. La velocità più elevata finora è stata raggiunta da Raikkonen con 299 km/h.

12.54 – Tornano i tempi di Ricciardo e subito scopriamo che c’è stato un nuovo botta e risposta con Vandoorne: il talento della McLaren passa in 1’09″131, ma il pilota della Red Bull abbatte il muro dell’1’09” e fa segnare il tempo di 1’08″713. Più lontano Raikkonen che comunque si migliora con 1’09″637.

12.50 – Scendono i tempi e Vandoorne ci smentisce: prima fa 1’09″489, poi con 1’09″409 abbassa ancora il suo best giornaliero, ancora di un soffio dietro a Ricciardo. A proposito, in questo turno i tempi dell’australiano non compaiono sul monitor dei tempi.

12.45 – Difficilmente vedremo miglioramenti cronometrici in questo turno: al terzo passaggio Vandoorne fa 1’10″3, Raikkonen 1’10″7, siamo a circa un secondo dai migliori tempi visti finora. I piloti stanno girando con pneumatici non marchiati, come avvenuto anche nei turni precedenti, ad esclusione del primo.

12.40 – Si torna in pista! Primi giri come di consueto su tempi elevati, anche maggiori rispetto ai precedenti, tra l’1’12” e l’1’13”.

12.35 – Mentre tornano in azione gli irrigatori, eccovi una gallery della mattinata:

12.30 – Riassunto dei migliori tempi visti finora (5 turni): 1- D.Ricciardo 1’09″378 2- S.Vandoorne 1’09″536 3- K.Raikkonen 1’09″787

12.25 – Ricordiamo che sono presenti gli ispettori della FIA a controllare l’attività dei team, i quali possono solo modificare i setup della monoposto.

12.20 – Terminato anche il quinto turno di giornata. La temperatura dell’aria sale a 10 gradi.

12.16 – Nuovo record nel secondo settore per l’australiano: 41″58, ma il crono finale di 1’09″412 lo lascia dietro al miglior tempo di giornata che comunque gli appartiene.

12.14 – Vandoorne passa in 1’09″9, Ricciardo in 1’10″3.

12.12 – In evidenza Raikkonen che in questo turno sta facendo i migliori tempi: 1’09″858 (27″3 nel primo settore) e poi 1’09″754, suo miglior tempo di giornata.

12.05 – Siamo al quinto stint di giornata, i piloti lo cominciano girando tutti sopra l’1’11”. Il tempo alto sembra dovuto più al tipo di pneumatico montato ora che alla pista bagnata.

12.00 – Irrigatori nuovamente spenti, si riaccendono i motori!

11.55 – In attesa che ricominci l’azione al Paul Ricard, la notizia della mattina è senz’altro il ritorno nel paddock di Pat Fry. Eccovi l’articolo promesso: Manor, Pat Fry ingaggiato come consulente tecnico

11.48 – Di nuovo tutti ai box: in ogni turno ogni pilota riesce a fare tre o al massimo quattro giri, poi la pista passa rapidamente a condizioni di asfalto troppo asciutte per questi pneumatici pensati per la pioggia battente. 11.44 – Altro giro su tempi simili per Red Bull e McLaren, ma senza migliorarsi. Chi si migliora ancora è Raikkonen, finalmente a livello degli altri: 1’09″787 con nuovo record nel primo settore (27″55) e ancora 4 decimi persi sempre nel secondo settore.

11.41 – Botta e risposta tra Vandoorne e Ricciardo: 1’09″536 il belga, 1’09″378 l’australiano. Si migliora nettamente Raikkonen che scende a 1’10″083 con un primo settore record da 27″6. 11.38 – I piloti continuano a girare e la pista migliora velocemente: Raikkonen fa il suo miglior giro di oggi con 1’10″528, mentre Ricciardo abbassa il limite di giornata a 1’09″666. 11.35 – Vandoorne e Ricciardo girano sull’1’10″7, mentre Raikkonen ancora una volta è più lento, in particolare nel secondo settore, e non va oltre l’1’11″298.

11.30 – Tutti nuovamente in pista, con asfalto ancora più bagnato rispetto ai tre precedenti turni.

11.15 – Di nuovo tutti ai box.

11.10 – Tempi più alti in questa uscita, solo Raikkonen riesce a migliorarsi rispetto ai tempi precedenti (che erano nettamente più alti di quelli degli altri piloti): 1’11″331 e poi 1’11″147 per Iceman. Vandoorne con 1’10″178 continua comunque a essere molto più veloce, mentre Ricciardo dopo un giro lento è rientrato ai box.

11.05 – Intanto arriva in redazione la notizia che la Manor ha ingaggiato, dopo Nick Tombazis, un altro ex ferrarista: Pat Fry. A breve su FormulaPassion.it l’articolo con tutte le informazioni.

11.00 – Ritornano in pista i piloti, sempre nell’ordine visto nei due precedenti turni: Raikkonen, Ricciardo e Vandoorne.

10.52 – Motori ancora spenti, gli irrigatori sono ancora all’opera per rendere l’asfalto ‘full wet‘.

10.48 – Un tweet, tre passaggi del turno di prove appena completato:

10.42 – Di nuovi tutti dentro ai box del Paul Ricard.

10.40 – A ogni passaggio i tempi continuano ad abbassarsi sensibilmente, tranne per Raikkonen che nel secondo settore alza il piede: 1’10″868 e 1’10″649 Ricciardo, 1’10″938 e 1’10″005 Vandoorne. Raikkonen non va oltre 1’11″796 perdendo sempre nel secondo settore.

10.35 – Completato il primo giro cronometrato, con tempi che avevamo già visto nel precedente turno: 1’11″302 Ricciardo, 1’11″331 Vandoorne, 1’11″925 Raikkonen.

10.30 – Si riaccendono i motori al Paul Ricard: nuovamente in pista, contemporaneamente, Raikkonen, Ricciardo e Vandoorne.

10.20 – La pausa tecnica prosegue: al momento c’è un camion dei pompieri che gira contromano e gli irrigatori sono aperti per allagare nuovamente la pista.

10.08 – Prima uscita terminata per tutti i piloti che sono rientrati ai box.

10.05 – Ad ogni tornata la pista si pulisce e i tempi si abbassano notevolmente. Raikkonen dopo aver fatto registrare il record nel primo settore commette un errore, il tempo di riferimento viene firmato da Ricciardo che ferma io cronometro sull’1’11″528, Vandoorne è vicino staccato di meno di un decimo, più lontano Raikkonen che non è ancora sceso sotto il limite dell’1’13”.

10.02 – Al terzo passaggio il più veloce è Stoffel Vandoorne, 1’13″306 per il campione in carica della GP2, seguono Ricciardo in 1’13″833 e Kimi in 1’14″578.

10.00 – Ecco i primi tempi sul giro, 1’17″189 per Ricciardo, 1’18″707 per Raikkonen.

9.58 – Anche Stoffel Vandoorne raggiunge i colleghi sul tracciato.

9.57 –Semaforo verde! Tornano in pista Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo.

9.55 – Gli irrigatori artificiali non hanno proprio nulla da invidiare a un temporale coi fiocchi, ecco le condizioni della pista. La prossima genialata di Bernie Ecclestone sarà l’utilizzo di questo sistema in gara?

9.52 – E quelli di Stoffel Vandoorne, tra poco i piloti scenderanno di nuovo in pista per i primi long run dopo aver tutti effettuato l’installation lap.

9.50 – Ecco i primi metri del 2016 di Kimi Raikkonen.

9.45 – Oggi è il compleanno di Luca Badoer, 45 candeline sulla torta per l’ex pilota Minardi e Ferrari.

9.39 – Pit lane di nuovo chiusa e camion dei pompieri in pista. Il tracciato ha ancora bisogno di essere bagnato.

9.34 – Semaforo verde in fondo alla pit lane! Finalmente si comincia, in pista per l’installation lap la Ferrari di Kimi Raikkonen, la Red Bull di Daniel Ricciardo e la McLaren di Stoffel Vandoorne.

9.32 – Se vi stavate chiedendo quale delle tante configurazioni del circuito di Paul Ricard sarà utilizzata oggi eccola in bianco dall’account Twitter del collega Cristobal Rosaleny. Secca curva a gomito dopo il traguardo a destra sfruttando tutto il rettifilo, poi si percorreranno due terzi del rettilineo del Mistral senza la esse a metà. Dopo la curva ‘Les Signes’ tornantino a destra tagliando la lunga curva ‘Beausset’.

9.30 – Azionati nuovamente gli irrigatori, evidentemente la prima innaffiata non è stata sufficiente.

9.25 – Intanto ecco le prime dichiarazioni di Roberto Boccafogli, responsabile dell’ufficio stampa Pirelli: “I team non sapranno quali gomme proveranno. Ci saranno a disposizione due tipi di gomme, alcune marcate con la banda blu e altre non marcate, di quelle non marcate ci sono tanti prototipi da far provare. Se i prototipi daranno indicazioni positive verranno utilizzati con l’arrivo del Circus in Europa, sicuramente non nelle prime quattro gare”.

9.23 – La Safety Car ha percorso una tornata e poi ha fatto rientro ai box.

9.10 – Le condizioni atmosferiche presentano cielo coperto e una temperatura di 8,2°.

9.05 – Il primo ‘ruggito’ è quello della power unit Honda che equipaggia la McLaren di Stoffel Vandoorne, ma il belga non ha lasciato il box.

9.00 – Il semaforo in fondo alla pit lane è ancora rosso, al momento tutto tace, i monitor dei tempi sono spenti.

8.58 – Aperti gli irrigatori per bagnare il tracciato e permettere ai piloti di mettere alla prova gli pneumatici full wet, motivo per cui la Pirelli ha deciso di organizzare questa sessione di test suggerita dall’esperienza di Austin nella passata stagione.

8.55 – Anche la Pirelli su Twitter ci dà il buongiorno, ecco uno scorcio del panorama sul circuito di Paul Ricard.

8.50 – Daniel Ricciardo è un po’ spaesato, al risveglio dichiara sul suo account ufficiale Twitter di non sapere esattamente dove si trova.

Da FormulaPassion.it

 


GP Belgio, commenti post libere venerdì–23/08/2013


Da SkyF1:

Da Raisport:

 


Kimi Raikkonen has no idea where he stands in Red Bull F1 talks

Kimi Raikkonen says Red Bull stopped responding in their 2014 Formula 1 contract negotiations and he has no idea where he stands with the world champion team now.

The Finn’s management team declared earlier this week that Red Bull was no longer an option for Raikkonen next year, leaving the way clear for Daniel Ricciardo to replace sportscar-bound Mark Webber as Sebastian Vettel’s team-mate.

Then at Spa on Friday Red Bull boss Christian Horner insisted the team had not ruled Raikkonen out.

Raikkonen said he was bemused by the situation.

"I had no answer from them," he told reporters in the paddock. "We will see what happens.

"You have to ask them what they will do. I don’t know any better than you guys."

"We never heard anything for a while, which is not the ideal situation, but that’s how it is."

While staying at Lotus is believed to be Raikkonen’s most likely option, he has also been linked to Ferrari.

But he refused to be drawn on his future on Friday and hit out at media coverage of his contract talks.

"There is no different answer I can give you," said Raikkonen.

"Until there is anything 100 per cent sure, I’ve nothing to tell.

"There is a lot of talk I’m supposed to go to McLaren, I read somewhere, then there’s Ferrari, and then there’s Lotus.

"I still don’t have a contract so what else can I say?

"Until I can tell you anything 100 per cent, you keep asking and I keep saying the same things.

"We will not get anywhere and then there is a lot of bullshit in the papers about the different options, that this will happen, that this guy said that.

"There must be much more interesting things to write about and tell people than the same things over and over again."

Da Autosport.com


Kimi Räikkönen Only Interested in Driving at Spa

After a summer break one day longer than most, Kimi returned to the cockpit – and the media glare – for the first day of running here in Belgium, where there seems to be quite a lot people want to know from the Iceman…

Have you recovered from yesterday?

I’m fine.

How was your day today?

The car was okay. It could have been a bit better, but it wasn’t a disaster either so for sure we can improve a bit more for tomorrow. The weather wasn’t great this morning and it’s certainly better for us when it’s dry. We had a little problem with the front wheel in the first session which meant we didn’t run as much as we wanted to. The afternoon was pretty normal. For sure it looks like it will be a difficult weekend to beat Red Bull but that’s what we must try to do if we want to catch them in the Championship.

What do you make of all the speculation surrounding where you might drive next year?

There must be much more interesting things to write about and tell people than the same things over and over again.

Da LotusF1.com


No answer from Red Bull – Raikkonen

Kimi Raikkonen says he has not had an answer from Red Bull over a potential seat with the team next season.

Red Bull is looking to replace Mark Webber in 2014 and Raikkoenn was one of the favourites for the seat until his manager said talks had ended "some time ago" earlier this week. However, Christian Horner yesterday refused to rule out any driver getting the vacancy and Raikkonen said the stall in talks had come from the Red Bull side.

"I’ve had no answer from them and I will see what happens," Raikkonen said. "You will have to really ask them what they will do; I don’t know any better than you guys … We haven’t heard anything for a while, so obviously that’s not the ideal situation but that’s how it is."

Asked about rumours he could join Ferrari, Raikkonen said: "There’s not much I can tell you other than that until there is anything 100% sure I don’t have anything to tell. There’s a lot of talk that I’m supposed to go to McLaren. I read somewhere that it’s Ferrari one day and it’s Lotus the next day so … I still don’t have a contract so what else can I say?"

Raikkonen confirmed he is still awaiting payment from Lotus, saying it was an area he wanted rectifying if he were to stay at the team.

"Not as it should, but hopefully those things get sorted quickly."

Raikkonen also hinted that he may not have been ill on Thursday when he was absent from Spa.

"Maybe I could, it wouldn’t change anything for me. You would ask me the same questions today that you would have asked yesterday. There’s always reasons for things but I don’t have to tell you all of those things."

Da espn.co.uk/


La telenovela infinita–22/08/2013


Kimi-Red Bull, non è ancora finita: assalto finale a Spa

MERCATO. Colpo di scena nella telenovela legata al futuro del finlandese, il cui manager incontrerà i vertici del team austriaco in occasione del Gp del Belgio. E tre indizi mettono in forte dubbio l’ipotesi di un ritorno di Raikkonen in Ferrari

Kimi-Red Bull, ultimo tentativo – Come ogni telenovela che si rispetti, anche quella legata al futuro di Raikkonen potrebbe avere un colpo di scena finale. La notizia è stata rilanciata da Tony Jardine, ex dirigente McLaren e oggi opinionista per Sky Sports: a Spa, la Red Bull incontrerà il manager del finlandese per sottoporgli una sontuosa offerta per il 2014.
Le dichiarazioni del manager di Raikkonen, Steve Robertson, che aveva escluso l’ipotesi di un passaggio al team austriaco, sarebbero state solo un mezzo per alzare la posta in gioco. Altri indizi in tal senso sono arrivati da tre protagonisti della vicenda.
Un campione per Vettel – Eric Bouiller, team principal della Lotus, ha affermato che non farà follie per trattenere l’ex iridato a Enstone: "Kimi è un grande pilota – ha detto ad Autosport -. Ma non possiamo permetterci di spendere una fortuna".
Un’altra dichiarazione che spinge Raikkonen in Red Bull è quella del grande capo, Dietrich Mateschitz, che ha puntualizzato come il team stia cercando un pilota competitivo sul "medio termine". Ricciardo, grande favorito per il sedile di Webber, sarebbe un investimento sul lungo periodo.
Infine lo stesso Helmut Marko, a capo del progetto giovani di Milton Keynes, ha smentito l’ipotesi che a Spa la scuderia campione del mondo possa annunciare l’ingaggio di Ricciardo: "Non ci sarà nessun comunicato in Belgio", ha detto all’agenzia Sid. In tutto questo, il manager di Raikkonen fa melina: "Abbiamo molte offerte. Stiamo valutando tutti i team del campionato. Credo che Kimi nel 2014 sarà ancora nel circus".
Jordan, Kimi andrà a Maranello – Nonostante le continue smentite (l’ultima alla Bbc), la Ferrari è realmente interessata a far rientrare in Emilia il figliol prodigo finlandese.
Secondo Globo Esporte, i vertici della Rossa spingerebbero per un ritorno di Kimi, ostacolato però dal Presidente, Luca Cordero di Montezemolo, che non apprezzerebbe una minestra riscaldata.
Per Eddie Jordan, ex patron dell’omonima scuderia e attuale opinionista della Bbc, l’accordo tra Raikkonen e la Ferrari si farà. Detta dalla persona che lo scorso anno anticipò il clamoroso matrimonio tra Hamilton e la Mercedes, l’indiscrezione sembra essere più di una semplice voce. Red Bull permettendo, naturalmente
.

Da sport.sky.it


Raikkonen admitted Ferrari move at Finnish party

Kimi Raikkonen, no fan of the spotlight, is the man of the moment as F1′s summer slumber ends this weekend in Belgium.

The Finn’s manager has ruled out a move to Red Bull, but some sources at Spa-Francorchamps think the fact the team has put off announcing Daniel Ricciardo’s 2014 deal is a sign Raikkonen might still be in the running.

At the same time, Lotus has made clear it wants to keep the 33-year-old on board, while reports continue to insist there is a real chance Raikkonen will return to Ferrari.

The German newspaper Die Welt even reports that Raikkonen recently admitted to friends during an alcohol-fuelled night out in Helsinki that he will be wearing red again in 2014.

Reporting about the Helsinki party, the German broadcaster RTL suggested Ferrari has put a EUR 11 million contract on the table, including bonuses and sponsorship of his motocross team.

As ever in the ‘silly season’, though, there are conflicting reports.

Finnish newspaper Turun Sanomat is now quoting Raikkonen’s manager Steve Robertson as saying the driver actually wants to stay at Lotus in 2014.

“Kimi likes it at Lotus,” said Robertson. “But we are waiting for information on certain issues that are still outstanding.

“About Kimi’s future, the ball is in Lotus’ court.”

Da f1zone.net


Suggestione Ferrari, reazioni (2)–21/08/2013




Il caso Raikkonen

Da quando Steve Robertson, il manager di Raikkonen ha fatto sapere che “Kimi non andrà in Red Bull nel 2014″, le speculazioni su un arrivo di Raikkonen in Ferrari sono cresciute a dismisura. Ma è stato anche l’effetto-internet a ingigantirle. Sapete come funziona. Uno lo ipotizza (in questo caso il primo a rilanciarle è stato il giornale finlandese “Ilta Sanomat”), un altro lo riprende e la voce automaticamente s’ingrossa e si fa più “vera” non perché nel frattempo arrivino conferme, ma perché, a furia di ripeterlo, qualcun altro ci aggiunge ipotesi e speculazioni e man mano che rimbalza da un sito all’altro la notizia si fa più verosimile agli occhi dei lettori. E assume sempre più credibilità solo perché ormai lo dicono tutti. Ma cerchiamo di dividere i fatti dalle speculazioni per capire cosa c’è sotto.

Il fatto di partenza è che Kimi non ha accettato l’offerta Red Bull 2014 per affiancare Vettel. Siccome la proposta era vera e confermata, vuol dire solo due cose: primo, non c’era una sostanziosa offerta economica dietro (ricordiamo che Kimi da almeno cinque anni guadagna fra i 10 e i 20 milioni di euro a stagione e a parte Senna che nel 1992 si offrì gratis alla Williams pur di avere la macchina vincente, a nessuno piace svendersi). Oppure semplicemente che la bozza di contratto con Red Bull (di cui non conosciamo i dettagli) prevedeva un ruolo di subordinazione a Vettel.

Qualcosa, col senno di poi si era intuito, quando Raikkonen a fine luglio ammise più o meno che aveva già in cuor suo preso la sua decisione (senza svelare quale) e che qualcuno si sarebbe stupito perché poteva non sembrare la più logica. Ora sappiamo qual è parte della decisione.

Ma a questo punto l’attenzione si sposta sul rapporto Raikkonen-Maranello. Per prima cosa la proposta Ferrari è reale o no? Sicuramente sì perché il manager di Kimi ha ammesso che è una soluzione che stanno vagliando, e nessuno vaglia una proposta se la controparte (Maranello) non è interessata.

In tutto ciò si inserisce la freddezza di rapporti Alonso-Domenicali che è nata nelle ultime settimane, alimentata dalle critiche dello spagnolo verso la macchina e l’organizzazione ferrarista. Fino a ieri ad Alonso è stato concesso tutto, compreso il fatto di avere un secondo pilota ai suoi servizi che non lo ostacolasse e lavorasse per lui. Ma dopo aver fallito per tre anni di seguito (ahimè si teme anche per il quarto vista la difficile situazione in classifica) l’assalto al titolo mondiale sia Piloti che Costruttori la Ferrari deve aver riflettuto che una squadra con un solo pilota di punta non è produttiva. Le critiche di Alonso e il duro richiamo di Montezemolo sono un indicatore: in pratica il messaggio allo spagnolo dev’essere stato più o meno di questo tono: finora abbiamo fatto a modo tuo lasciandoti il controllo della squadra, ma visto che la strategia non ha funzionato e non possiamo mettere a rischio ogni anno anche il mondiale Costruttori, da domani faremo a modo nostro. Con due piloti vincenti a pari opportunità.

Montezemolo ha detto chiaramente nello sfogo di inizio agosto che vogliono “il meglio” che il mercato può offrire. La possibilità Raikkonen è reale a questo punto (anche se è stata blandamente smentita da Maranello per non ammosciare nelle ultime gare ancora di più Massa) ma non dimentichiamo che la Ferrari potrebbe anche ripiegare su un Hulkenberg senza però – questa è la novità – che sia sottomesso a fare il n.2 di Alonso.

Raikkonen però si lasciò in malo modo con la Ferrari a fine 2009, pagato per un anno sabbatico senza guidare pur di lasciar libero il posto per Alonso. Ci starebbe a tornare? Sicuramente sì perché per lui sarebbe una bella rivincita morale. Cercato e corteggiato dal team che ti aveva mandato via. Che volere di più per il proprio ego? Quante sono le probabilità che questo possa avvenire? Secondo noi molto alte perché non si capisce altrimenti perché uno come Raikkonen, a 33 anni, debba buttar via un’occasione come la Red Bull e restare in un team precario come la Lotus. Che oggi va forte ma domani (e senza Allison) non si sa. Anzi, a ben guardare proprio l’arrivo di Allison a Maranello può essere l’indizio ulteriore che il suo pilota degli ultimi due anni stia per raggiungerlo. Resta da vedere soltanto quale sarà l’impatto di tutta questa vicenda su Alonso che quando si sente non più al centro delle attenzioni del team (vedi Renault 2005 e McLaren 2007) è capace di reazioni imprevedibili.

Di certo c’è che la potenziale coppia Alonso-Raikkonen sarebbe sulla carta fortissima, degna della miglior formazione Senna-Prost dei tempi d’oro della McLaren.

Alberto Sabbatini

Da autosprint.corrieredellosport.it


Raikkonen e Ferrari: cosa c’è di vero

Che succederà, d’ora in avanti, con Kimi Raikkonen? Dopo che il manager del pilota ha confermato la rottura delle trattative con la Red Bull (ma gli indizi c’erano già al test di Ricciardo con la RB9 a Silverstone…) il mercato si riapre. E a quasi 34 anni – li compirà nell’ottobre prossimo – Kimi è ancora un “pezzo pregiato”. Anche se finora, sulla scacchiera, non si è mosso molto bene.

La domanda sulla bocca di tutti è: Raikkonen può tornare in Ferrari? La risposta: sì, ma è sempre più difficile. Smentite sistematicamente da Maranello, le trattative hanno invece trovato conferma presso lo stesso Robertson, manager del pilota, che ha confermato lo “stop” della Red Bull.

In Ferrari vorrebbero – non ancora tutti – liberarsi di Felipe Massa e negli ultimi mesi sono state valutate le alternative di mercato. Compreso Raikkonen, anche se ad avviare i colloqui è stato il management di Kimi e non la squadra italiana.

Il problema è che, a quanto risulta ad Autosprint, Raikkonen ha già fatto trascorrere un termine di scadenza senza dare una risposta precisa alla Ferrari. Dove, fra l’altro, il suo possibile ritorno non è visto con favore da tutti. Il motivo è semplice: per far posto a Fernando Alonso, a fine 2009, fu sacrificato proprio Kimi. E la Ferrari gli pagò un altro anno di contratto per… non farlo guidare. L’operazione-Alonso fu fortemente voluta da Stefano Domenicali, naturalmente con l’avallo di Montezemolo. Ora la coppia Alonso-Raikkonen viene vista con un certo sospetto.

In tutto questo gioco delle parti, la Ferrari non ha fretta, mentre Raikkonen deve cercare di tenere alto il suo valore di mercato. Se gli restasse la Lotus come unica possibilità, dovrebbe accettare un taglio di stipendio. La squadra di Enstone ha già fatto sapere che non intende “rapinare una banca” solo per pagare lo stipendio di Kimi.

La Lotus vorrebbe comunque allungare il contratto al finlandese. E intanto gli allunga… la macchina. Per il Gp Belgio, è in preparazione infatti una versione della E21 con passo allungato di ben 10 centimetri. Modifica realizzata – per motivi di aerodinamica e distribuzione dei pesi – spostando in avanti la sospensione anteriore e di conseguenza allungando anche il muso.

Da autosprint.corrieredellosport.it


Fuori uno, niente Red Bull–19/08/2013


Kimi Raikkonen’s Red Bull talks end, Daniel Ricciardo set for seat

Daniel Ricciardo is now set to secure the second Red Bull Formula 1 seat for 2014, with talks between the team and Kimi Raikkonen having come to an end.

Amid growing speculation that Red Bull had decided to pick Ricciardo, Raikkonen’s manager Steve Robertson told AUTOSPORT on Monday that the Finn was no longer a contender to line-up alongside Sebastian Vettel next year.

Robertson confirmed the news, which first appeared in Finnish newspaper Turun Sanomat, that the former world champion’s discussions with Red Bull had come to an end.

"It’s true," said Robertson. "Kimi will not be driving for Red Bull in 2014. We held some talks, but a deal will not be happening."

Red Bull had openly admitted that its choice for Mark Webber’s replacement was between Raikkonen and Ricciardo – despite being made aware in Hungary that Fernando Alonso could be available too.

Raikkonen had always been happy to stay at Lotus for 2014, but the prospect of racing for reigning champion Red Bull was given serious consideration.

The Finn’s representatives opened negotiations with Red Bull, as the team weighed up whether to opt for Raikkonen’s experience and guaranteed speed, or put its faith in a youngster like Ricciardo as a long term prospect.

Although Red Bull is insisting that it is not in a position yet to announce its 2014 drivers, Robertson’s revelation that Raikkonen is now out of the running points to a Ricciardo deal being a formality.

An announcement about Red Bull’s plans could be made as soon as this weekend’s Belgian Grand Prix, although the team may opt to wait for the following race in Italy.

Should Ricciardo be confirmed, he will move up to Red Bull’s main team after two full seasons with its junior Toro Rosso outfit. He also competed in 11 races for HRT in 2011.

RAIKKONEN HAS OTHER ‘OPTIONS’

The collapse of the Red Bull talks means that Raikkonen’s best option to remain in competitive machinery in 2014 is to finalise a fresh deal with Lotus.

But such a deal is not a formality, amid questions about the financial health of the team, with Raikkonen having been paid late on some occasions.

Robertson said that Lotus was just one possibility for Raikkonen as talks continued with a number of teams.

"We are pretty confident that Kimi will be in F1 next year," he explained. "There are options – and that is plural – out there and I will continue to talk to teams. I am hopeful we will sort something out in the not too distant future."

Da Autosport.com


Vanzini a SkySport24:

Mercato piloti, Kimi in Ferrari? – 19/08/2013 from InvisibleIceWandS on Vimeo.

SkyF1 Mercato, il ritorno in Ferrari? – 20/08/2013 from InvisibleIceWandS on Vimeo.


Kimi Raikkonen ‘wants Ferrari return’ claims Eddie Jordan

A deal for the Finn to return to the team for whom he won the 2007 title may be announced as soon as next month’s Italian Grand Prix, Jordan said.

Ferrari said the claim was "not true" and that no decision had yet been made.

Jordan added that Ricciardo, 24, had already signed to partner Sebastian Vettel at Red Bull next season.

Ricciardo’s promotion from junior team Toro Rosso is to be announced at this weekend’s Belgian Grand Prix, Jordan said.

A Red Bull spokeswoman said: "We don’t have anything to announce at present but will advise when we do."

A Ferrari spokesman said the Italian team were concentrating on improving their car to boost Fernando Alonso’s title challenge.

He added: "This is the exact same scenario as last year – with not only Kimi but a long list of other drivers allegedly going to Ferrari.

"At the moment our priority is produce the car for Fernando and Felipe (Massa) and a decision on the 2014 line-up will be made at the appropriate moment, which is not right now."

On Monday, Raikkonen’s manager Steve Robertson told BBC Sport’s chief F1 writer Andrew Benson that the 20-time grand prix winner, 33, would not be driving for Red Bull next year.

Robertson said: "Talks broke down. We haven’t spoken for a little while and it’s clear Kimi won’t be driving for Red Bull in 2014.

"Kimi’s a free agent. He still has options out there.

"There’s a lot of things happening behind the scenes and I’m pretty confident he will be in F1 next year."

Asked specifically whether Ferrari were an option, he said: "Until they confirm their seats, my job is to speak to all the teams and see what’s available."

Jordan said Raikkonen had made a return to Red Bull his first priority but when talks with the world champions broke down, he turned his attention to Ferrari.

He could also stay with current team Lotus for a third season.

Alonso is under contract until the end of 2016, but Ferrari are considering replacing Massa, who has had an inconsistent season.

BBC Sport understands that senior figures within the Ferrari team want Massa out and are keen for Raikkonen to return but that Ferrari president Luca Di Montezemolo is not keen on the idea.

Signing Raikkonen would be an admission they had made a mistake when they chose to end his contract a year early at the end of 2009 and pay him not to drive for them in 2010, when Alonso joined.

They preferred Massa as the Spaniard’s partner, despite the Brazilian at the time recovering from a fractured skull sustained in an accident at the 2009 Hungarian Grand Prix.

Although Raikkonen won the title for Ferrari in 2007, Massa outscored him during the first of their two years together as team-mates, and was doing so again in 2009 at the time of his injury.

World champions Red Bull had made it clear they were choosing between Raikkonen and Ricciardo for the seat that has been made vacant for next season following Mark Webber’s decision to leave F1 to drive for Porsche in sportscar racing.

Raikkonen was a known quantity and would be a choice they could guarantee would at least match the contribution Webber made to three consecutive constructors’ world titles since 2010.

But Ricciardo’s promotion will be a vindication for the Red Bull young driver programme, from which so far only Vettel has graduated to the senior team.

The 24-year-old is also likely to be a malleable choice who will play a support role for Vettel without the friction that developed between the German and Webber and which may well have emerged had Raikkonen, a former world champion, joined the team.

It remains to be seen whether Ricciardo has the ability to cope with the step up to the highest level of F1, and the pressure that brings.

His best result for Toro Rosso is a seventh place, although he has three times qualified sixth.

Da bbc.co.uk


Il giallo dell’estate – 2° parte


Il risultato italiano prodotto da questo calderone ovviamente diventa…

(altro…)


Il giallo dell’estate – 1° parte


Ovvero come si evolve una notizia. Si parte dai presunti dettagli sull’offerta RedBull:

Red Bull is willing to support Kimi’s icehockey-business
The circus gets wilder day by day. Bild told on Wednesday that Ferrari has made an offer to Kimi Räikkönen.
In Bild’s article details of Red Bull’s offer were mentioned.
According to the paper the offer is 15 million dollars per year plus bonuses. In addition to the salary they have agreed that Red Bull will support Kimi’s ICE1RACING -motocross team and Kimi’s icehockey team.
They probably mean the Swiss EV Zug ice hockey team which Räikkönen bought a few years ago. Kimi follows every now and then the team’s grips, which is lead by Doug Shedden.
It takes about 10 minutes to go from Räikkönen’s luxurious villa to Zug areena in Baar.
Räikkönen has been connected a couple of times to icehockey-businesses in Finland. According to information Iltalehti has, Kimi was about to buy Ilves in 2000 but the scenario didn’t work out because Vincent Manngard was unwilling to sell his shares.
Räikkönen has often been spotted in Blues-team’s home arena, and when they were setting up the KHL-project in 2011 Räikkönen was asked to join. He refused however.
Räikkönen has in the latest rumor been connected to Lappeenranta’s SaiPa. Kimi has been spotted in Saimaa looking for estates, Etelä-Saimaa -paper tells. They are talking about a possible purchase worth almost one million euros.
– Kimi has not bought anything, nor is he buying, Riku Kuvaja denied to Iltalehti.
The ownership of SaiPa has been divided between seven different parties.
– We have no need to comment on this. SaiPa will be owned by current owners according to the current information, Jouni Okko, who owns 24,91 % of the league, told Iltalehti.

Da iltalehti.fi, traduzione Wolfie.

E si arriva alla bomba sul contratto Ferrari…

(altro…)